Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1803 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :

Opuscoli 9° volume 2008: Pietro-Imbriglio

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Pietro Imbriglio, 20 anni   -    20 novembre 1984 – 21 marzo 2005

Pietro-Imbriglio.jpg Era una bellissima giornata di marzo, un caldo record per quel mese. Verso le 17.30 io mamma e papà a casa udiamo delle sirene di ambulanze e pompieri. Mamma doveva andare a lavorare, io e papà prendemmo la macchina per accompagnarla e per capire cosa era successo. Proprio accanto all’azienda di mamma un gravissimo incidente ma non potevamo vedere nulla, solo una macchina schiantata su un recinto semi bruciata. Ci guardammo intorno e vedemmo i tuoi amici che piangevano, noi non capivamo, poi arrivarono delle voci..”E’ Pietro, è Pietro” e in una frazione di secondo iniziò l’incubo senza fine!La corsa all’ospedale, i medici che chiaramente dissero che non c’era nulla da fare, coma irreversibile, e la nostra mente vagava nel nulla!Non eri in macchina, ma sulla moto di un tuo conoscente che ti ha chiesto se lo accompagnavi a fare benzina, hai percorso solo una strada, e proprio su quella si è spento per sempre il tuo stupendo sorriso!
Ecco io lo racconto, ma forse non è successo realmente, forse l’ho sognato!Forse un giorno finalmente sentirò il citofono suonare e guardando vedrò il tuo viso, sentirò la tua voce che mi dice “Apri Ca”, e io allora ti correrò incontro e ti abbraccerò forte forte, e non ti lascerò più andare via per così tanto tempo, mio adorato fratellino! E tu con il tuo fare sempre tranquillo, sereno e giocherellone mi dirai “Oh ma staccati!” e magari mi farai sentire la nuova suoneria del cellulare come hai fatto l’ultima volta che ti ho visto! Che caso, la canzone era “Angelo” di Renga, e ogni volta che sento quella canzone vedo te, e ti chiedo “Angelo, prenditi cura di lei!” Lei, Aurora, la nipotina nata nel 2007 che non hai mai conosciuto!

Ti amo tanto
Tua sorella Carla


Data di creazione : 25/03/2008 * 23:54
Ultima modifica : 26/03/2008 * 00:00
Categoria : -
Pagina letta 8463 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it