chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1797 utenti
Connessi :
( nessuno )
Snif !!!
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Riccardo Tudisca – 16 anni – Firenze, 7 luglio 1997

Riccardo TudiscaNatale 1997  
Sono la mamma di Riccardo un ragazzo di 16 anni che come tutti gli adolescenti attraversa un periodo critico perché è sempre scontento, sempre un po’ nervoso, specialmente in famiglia, naturalmente tutte le mamme che hanno figli della sua età mi capiranno. Non per questo però è detto che siano delinquenti, scapestrati o drogati!
Anzi molte volte questa scontentezza gli viene trasmessa da noi adulti e ancor più da quelli che precedono la mia generazione, perché l’unica cosa che sanno fare per i giovani è di giudicarli continuamente male o di mandarli sempre via da tutti i posti perché danno noia (la musica è troppo alta, gli schiamazzi non ci fanno dormire, il pallone disturba….), ma allora cosa devono fare?
Ma se lo chiedono queste persone quando loro avevano quella età cosa facevano?
Certi risponderanno che c’era la guerra, c’era la miseria….sì sarà vero però c’era tanta più tolleranza e amore per il prossimo e tutto era più semplice, anche essere giovani!
Oggi sembra una colpa.
Adesso che quasi tutti stiamo benino o almeno non ci sono fame e miseria come allora, ecco però che siamo tutti menefreghisti, intolleranti, egoisti, ecc.
Allora come possiamo pretendere che i nostri ragazzi imparino qualcosa che va oltre la matematica o la scienza, cioè l’amore per il prossimo, aiutare i bisognosi e dare senza chiedere niente in cambio!
Se proprio noi genitori, nonni, zii, non pensiamo altro che al consumismo, al lavoro, ai soldi e ci dimentichiamo che la vita è fatta anche di valori, di ideali, di piccoli momenti da vivere insieme senza guadagno e senza resoconto.
Ecco, questa mia per qualcuno sarà patetica, non importa perché qualcun altro capirà.
Per me comunque sia, questo è l’unico grande regalo di Natale che posso e che devo fare a mio figlio Riccardo, perché anche se ormai lui non è qui fisicamente (in questo mondo mediocre), è vivo accanto a me e alla sua famiglia che lo ha amato e lo amerà sempre.
Baci, abbracci e buon Natale dal  tuo babbo Roberto,
tuo fratello, Tiziana e mamma Angela

Natale 2007

Chissà forse vi ricorderete di me, la mamma di quell’adolescente che oggi potrebbe essere sicuramente un bel giovanotto.
Sì sono proprio io, la mamma di Riccardo Tudisca, che dopo 10 anni riscrive con la stessa rabbia e sofferenza di allora perché fra poco sarà il 10° Natale senza di lui.
La giustizia, che è l’unica cosa che aspetti dopo una stupida disgrazia non è ancora arrivata anzi, si prende gioco e beffe  di noi con il passare del tempo.
A qualcuno non importerà niente, ma sono sicura che altri vorranno sapere.
Come dicevo prima, ancora non siamo arrivati a nessuna conclusione dopo 10 anni, abbiamo speso tanti soldi e non è ancora venuta fuori di chi è la responsabilità nell’aver messo quella catena maledetta.
Questa mia, è per raccontare un’altra cosa ancora più assurda: sapete è difficile accettare la morte di un figlio, molto difficile e non tutti  la viviamo alla stessa maniera questa grande sofferenza.
Io per esempio, dopo qualche tempo ho iniziato a darmi da fare per una eventuale ricorrenza in ricordo di Riccardo, a me faceva da balsamo per il mio dolore il da fare che mi davo, ma al solito non ero preparata all’insensibilità delle persone.
Cominciai con la scuola che lui frequentava, istituto d’arte, ci fu un tentativo molto bello e i ragazzi furono molto bravi a proporre una mostra per lui (i giovani sono più sensibili). L’anno successivo la preside disse che non si poteva fare di nuovo la mostra, perché era una perdita di tempo farlo in ricordo di tutti i ragazzi che muoiono. Che delusione!
Dopo qualche tempo ritornai alla carica nel quartiere in cui abitavamo e dove era successo l’incidente. Mi sarebbe piaciuto fare un concerto “Rock”, perché Riccardo suonava un po’ la batteria e aveva molti amici che facevano questo genere di musica.
Mi faceva bene organizzare qualche cosa in ricordo di mio figlio, i suoi amici mi aiutarono molto e anche la “Scuola del Fiume” (la palestra che Riccardo frequentava da quando aveva sei anni) e l’evento riuscì abbastanza bene.
L’anno successivo trovai difficoltà per ripeterlo, non volevano diventasse una ricorrenza fissa!
Un giorno lessi su di un giornale che cercavano nomi da dare a  strade nuove a Scandicci e mi dissero che dovevo fare una richiesta scritta e che il Prefetto di Firenze non avrebbe accolto la domanda se la persona risultava deceduta prima dei 10 anni, questo accadeva nel 2002.
Dopo qualche tempo ho saputo che a Firenze era stata intitolata una strada a Fabrizio De Andrè, morto qualche anno dopo Riccardo.
Continuavo ad andare a parlare con l’assessore di Scandicci chiedendo d’intitolare una strada a Riccardo o di poter avere l’autorizzazione per mettere una targa in memoria di mio figlio e nell’ultimo colloquio chiesi se c’era o no l’intenzione di darmi una risposta affermativa alla mia richiesta.
Mi sono state negate entrambe le possibilità, la motivazione?
Il mio Riccardo non era famoso e poi se si dovesse  fare per tutti quelli che muoiono………!
Non riesco ad accettare questa risposta, non mi sembra giusta….era mio figlio ed io vorrei gridare al mondo intero quanto manca a me e a tutta la famiglia!

Buon Natale da tutta la tua famiglia


Data di creazione : 01/03/2008 * 00:35
Ultima modifica : 17/05/2008 * 16:49
Categoria : -
Pagina letta 7442 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°4 

con Patrizia_Q il 01/07/2012 * 13:08
Ciao Riccardo...chissà se siete insieme te ed Andrea...stessa età, stesso anno. Gli anni passano..il pensiero e il cuore di noi mamme sono con voi.

Risposta n°3 

con antonella78 il 25/12/2008 * 02:20
BUON NATALE!!!

Risposta n°2 

con VittorioRI il 05/03/2008 * 20:10

Cara signora,

anche io avevo un fratello che si chiamava Riccardo, e anche lui è morto in un incidente stradale, assassinato da uno dei tanti assassini impuniti al volante. Mio fratello è morto circa dieci anni dopo suo figlio... anche noi, come lei saremo costretti a subire l'avanzata del tempo che non potrà mai lenire il doloro nè tantomeno la rabbia per le nostre perdite.

L'unica forza, è quella che ahi-noi possiamo farci su questo sito.

Un abbraccio, Vittorio


Risposta n°1 

con ROSS il 02/03/2008 * 09:43
Carissima mamma di Riccardo,lei è una persona speciale e le dico che condivido in pieno il suo pensiero sulla vita in questo mondo che va sempre peggio,dove tutto ha un prezzo e nulla ha valore.Mi dispiace tantissimo per suo figlio come per ogni persona che muore in giovane età tragicamente.Anche a me è capitato di non poter condividere il mio dolore con amici e parenti,è vero che sono tutti insensibili e dimostrano zero comprensione per chi come noi si porta dentro la terribile sofferenza di aver perso un figlio, un fratello, un genitore...Per questo che vengo qui dove chi sta male come me, può capire e lo scambio di parole di conforto viene dal cuore.Un abbraccio.

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X