Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1812 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Copia il codice :

Opuscoli 9° volume 2008: Roberto Podda

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Roberto Podda 32 Anni  -  Cagliari   16 marzo 1972   -   28 gennaio 2005
Roberto-Podda.jpgRoberto Podda la sua vita si  è spenta, il 28 gennaio 2005, a soli 32 anni era un’ operaio tubista ,residente a Cagliari .
Intorno alle 7 e 20 al chilometro sessantaquattro della provinciale numero due,di Portoscuso (CA) Roberto  stava andando a lavoro   , la sua ditta, la Comin ha un appalto nel cantiere Enel, di Portovesme,  affrontava un viaggio lungo circa un’ora.  Su quella strada percorsa ogni mattina, dove il limite di velocità era 50 km la sua alfa 147 celeste, comprata da poco tempo,tanto desiderata,  è stata travolta dalla volkswagen  passat guidata da Samuele Melis a 130 km  che ha invaso totalmente la sua corsia  a causa dell'alta  velocità, l’impatto e stato tremendo e violentissimo  , Roberto e morto sul colpo , poi sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione locale,la radio mobile di Iglesias, e i vigili del fuoco che hanno estratto il corpo di Roberto senza vita incastrato tra le lamiere.
Roberto è morto, chi ha causato l'incidente  è rimasto illeso, hanno detto omicidio colposo  e gli hanno ritirato  la patente sei mesi, incredibile!
Roberto ha lasciato una giovane moglie incinta di otto mesi, dopo un mese è nato  il figlio che si chiama anche  lui Roberto, lascia anche un’altro figlio di quattro anni, due sorelle  e una mamma è un papà che sono rimasti fermi a quella mattina compreso il loro respiro.
Non si può dimenticare la persona splendida che sei quel sorriso,qualsiasi cosa saresti riuscito a fare nella tua vita, e per quel poco tempo che sei stato tra noi sei riuscito a fare davvero tutto , ci manchi da morire ogni giorno che passa è sempre peggio ,amarti è stato facile, dimenticarti è impossibile. Ogni notte alziamo gli occhi al cielo sperando di vederti tra mille stelle, c’e ne una che brilla più di tutte,per noi quella sei tu.  Hai lasciato un vuoto incolmabile nella nostra vita. Per noi sono sempre  giorni tristi, pensieri implacabili è un dolore enorme, tutti i giorni nei quali si dubita di trovarci in un paese come (L’Italia)civile, giorni in cui ogni speranza sembra morta con quello schianto
Rimarrà per sempre un figlio e un fratello meraviglioso , ti vogliamo per sempre bene 
La mamma il papà i tuoi  bimbi le tue sorelle..


Data di creazione : 20/01/2008 * 10:11
Categoria : -
Pagina letta 38555 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it