Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Opuscoli 4° volume 2002: Ennio Petrosino e Rosa Zaza
 
 
 
 

Opuscoli 4° volume 2002: Ennio Petrosino e Rosa Zaza

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

 Ennio Petrosino , 33 anni - Napoli - 20  marzo 1966 - 25 agpsto 1999
Rosa Zaza, 31 anni - Napoli - 12 ottobre 1968- 25 agpsto 1999

Ennio Petrosino-Rosa Zaza.jpgLa sera del 25 agosto 1999, sull’autostrada Bari-Napoli, Ennio Petrosino e Rosa Zaza, al rientro dalle vacanze trascorse in Croazia, sono stati travolti ed uccisi da una macchina di contrabbandieri carica di sigarette che ha invertito il senso di marcia a fari spenti attraversando uno dei tanti varchi aperti sulla A16, insidie occulte di tante strade statali e di quasi tutte le autostrade, insidie usate a volte per stupidità, più spesso e come in questo caso per delinquere, sempre con un gravissimo rischio anzi con la certezza di uccidere.
 
     Ennio e Rosa tornavano alle madri, ai fratelli, agli amici, al loro mondo fatto di tante piccole cose di giovani sposi,  ma anche di lavoro e di impegno civile.
 
     Vivevano nell’amore e per l’amore, senza arrivismi ed invidie, senza aspirare a scalare montagne per piantare bandierine di conquista, contenti della loro verde collina di colori e di suoni sulla quale tutti potevano salire per goderne con loro.
 
     Rosa era sempre dolce e tenera, Ennio anche molto attento sia alle vicende politiche nazionali che alle innumerevoli difficoltà del vivere nella nostra città: un cittadino, come dalle tante lettere che ci ha lasciato, che esponeva i problemi di Napoli ai suoi amministratori e ne chiedeva o ne proponeva la soluzione.

     La notte del 15 agosto era una notte calma, tiepida, l’autostrada non era trafficata, una condizione ideale per il rientro; ma Ennio e Rosa hanno incontrato la follia umana, la criminalità organizzata, il tradimento di chi lascia i cittadini esposti al doppio rischio della delinquenza e dell’inefficienza dei sistemi stradali.

     Alla loro vita spezzata per sempre dedichiamo il nostro lavoro contro l’incapacità e l’indifferenza di chi avrebbe dovuto provvedere a salvarla.

 Cosa significa amarsi
se non prendersi per mano
e improvvisamente volare?
Ma noi siamo angeli con un’ala sola,
possiamo volare soltanto abbracciati.

Alessandro Petrosino


Data di creazione : 31/12/2007 * 17:34
Categoria : -
Pagina letta 13368 volte


Commenti a questo articolo


Risposta n°4 

con   Sergio il 25/04/2009 * 10:04
Un pensiero per questi due Angeli...

Risposta n°3 

con   cat il 10/04/2009 * 01:48

una bellissima coppia, sono sicura che sono felici insieme,nel loro viaggio... perche' avrebbero provato cosa vuol dire stare senza l'altro..... e  noi tutti sappiamo  molto bene..... e  nonstante passino gli anni, noi siamo qui a ricordare..... loro ..... i nostri stupendi   angeli...... grazie di essere stati  con noi

anche  ... se  per  poco..... insieme nel dolore dalla mamma di cinzia


Risposta n°2 

con   antonella78 il 25/12/2008 * 00:26
BUON NATALE!!!!

Risposta n°1 

con   Biby il 01/02/2008 * 14:55
Amarsi significa proprio quello...Sono parole bellissime e toccanti... ora si ameranno nella pace e sempre INSIEME... un abbraccio alle famiglie