Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1803 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :

Opuscoli 4° volume 2002: Alex Trombini

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Alex Trombini , 13 anni - San Mauro Pascoli (FC)  - 18 febbraio 1984 - 12 novembre 1997

Alex Trombini.jpgIl 12 novembre 1997 Alex, appena tredicenne, è stato investito mentre si recava a scuola in bicicletta da un’auto che sopraggiungeva a forte velocità. 

     Nei giorni successivi la stampa ha dato ampio risalto  alla vicenda, anche perché venivano ipotizzati gravi ritardi nei soccorsi (sembra che l’ambulanza attrezzata sia giunta sul luogo dell’incidente dopo circa 45 minuti, nonostante le direttive ministeriali prevedano tempi massimi di intervento compresi tra 8 e 20 minuti).

      Tanto clamore per l’incidente, ma nessun interesse per il processo: con sentenza n. 654 del 16.5.2002 il Tribunale di Forlì ha “liquidato” l’omicidio stradale di Alex patteggiando con il colpevole la pena di 4 mesi di reclusione, pena puramente teorica perché è stato “naturalmente” concesso il beneficio della sospensione condizionale.

      Negli stessi giorni, sempre a Forlì, un camionista svizzero è stato condannato a 8 mesi di reclusione per avere offerto 50mila lire agli agenti che gli stavano contestando una contravvenzione al Codice della strada; e un sacerdote di 83 anni, reo di avere rimosso un altare ritenuto di interesse artistico, è stato condannato a 4 mesi di reclusione.

      La morale sembra che con quanto si paga per spostare un pezzo di pietra si può uccidere un tredicenne e che un tentativo di corruzione offre lo stesso rischio che ucciderne due.

      La stampa locale ha totalmente ignorato il processo di Alex ma ha dato ampio risalto ai processi che riguardavano il camionista e il sacerdote:  evidentemente  l’uccisione di un bambino è ritenuta un reato minore, della cui valutazione non importa niente a nessuno: ma c’è davvero da chiedersi se è questa la società nella quale vogliamo vivere – e peggio ancora morire.


Data di creazione : 31/12/2007 * 17:16
Categoria : -
Pagina letta 1445 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it