Sei qui: Home » Opuscoli 4° volume 2002: Giovanni Nardone
    Stampa la pagina ...
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

Opuscoli 4° volume 2002: Giovanni Nardone

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Giovanni Nardone , 4 anni - Venticano (AV) 25 gennaio 1994 - 8 febbraio 1998

Giovanni Nardone.jpgGiovanni nasce come un prodigio il 25 gennaio 1994, entra a far parte della schiera degli angeli a soli 4 anni.

Indossava la maschera del coraggioso D’Artagnan quando nel pomeriggio dell’8 febbraio ’98 ci siamo recati alla villa comunale per trascorrervi le ore liete del carnevale; e ricordo lo stupore sul suo volto quando incontrava altri bambini in maschera e come unl eale moschettiere si divertiva a sguainare la spada incitandoli a giocare con lui.

Una spada-giocattolo può servire a divertire un bambino, non può certo fermare la folle corsa di un’auto guidata da un irresponsabile ragazzo di 19 anni che percorre ad alta velocità la strada principale del paese e che quando incontra sul suo cammino il moschettiere lo investe facendogli fare un volo all’indietro di trenta metri: l’impatto tra la macchina e il gracile corpo è così violento da provocare la rottura del faro e danni alla carrozzeria della Fiat Uno.

Giovanni ci lascia per sempre indossando la maschera di un redell’avventura, dietro la quale si nascondeva solo un tenero bambino al quale è stata negata la vita e che non ha potuto conoscere le due sorelline che ora ci sorridono.

Il processo penale comincia e finisce nel marzo del 2000, quando il ragazzo chiede ed ottiene il patteggiamento: nove mesi di reclusione, ridotti a sei per il rito (si dice così e significa che chi dopo avere ucciso fa allo Stato il piacere di non dovergli fare il processo ottiene lo sconto di un terzo della pena) e naturalmente con la condizionale.

Nella foto Giovanni sorride alla vita accarezzato da un raggio disole, ignaro che quattro ore dopo il suo sorriso sarebbe stato spento per sempre.

Io non ti dimentico, noi non ti dimenticheremo mai.

Anna Diglio Nardone

 

Con una astronave bianca
come la veste candida del mio battesimo
sono andato più lontano del sole:
               
Sono asceso con Gesù al cielo!
Dio mi aveva mandato nel mondo
e voi con grande gioia
mi avete accolto come un prodigio.
Ora io sono tornato a giocare con Dio:
quant’è bello giocare e pregare sempre
senza mai stancarsi!
Non mi cercate tra i morti:
io vivo per voi e con voi
                             
nella terra eterna dei viventi:
in Dio che ama me e voi
con amore infinito!
Dal cielo, un forte bacione a tutti


Data di creazione: 31/12/2007 • 12:02
Ultima modifica: 31/12/2007 • 18:20
Categoria: -
Pagina letta 22242 volte

Reazioni a questo articolo

Reazione n °5 

da Sergio il 27/04/2009 • 15:42

Un pensiero per il vostro Angioletto ed un abbraccio a voi cari genitori.

Con affetto...

Sergio.


Reazione n °4 

da   cat il 09/04/2009 • 22:30
che bel bimbo...non ho parole....solo che vi sono vicina, la mia era piu' grande,cinzia di 15 anni, ma ci sono figli che sono piu' speciali, ora sappiamo perche'.... sono i nostri  angeli

Reazione n °3 

da   antonella78 il 25/12/2008 • 00:36
BUON NATALE!!!

Reazione n °2 

da   alessandro il 09/09/2008 • 19:28
un bacio giovanni piccolo fiore

Reazione n °1 

da   Biby il 31/01/2008 • 14:49
ciao Giovanni!!!Rimani sempre il moschettiere più forte nel cielo!!!!Un abbraccio veramente sentito a voi genitori che purtoppo come me vivete in questo atroce dolore. Vi sono vicina.