chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1785 utenti
Connessi :
( nessuno )
Snif !!!
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Simone Brighittini , 18 anni - San Mauro Pascoli (FC) 10 luglio 1976 - 28 dicembre 1994

Simone Brighittini.jpg Simone, figlio unico di Antonietta e Gianni, aveva 16 anni quando assieme all’amico Andrea è rimasto vittima di un incidente stradale: il conducente della vettura sulla quale viaggiavano rimase illeso ed un altro passeggero subì alcune lesioni. 

     Dopo qualche anno quasi tutti dimenticano quelle vite spezzate e trovano strano che i familiari, nonostante il tempo trascorso, non siano ancora tornati alla “normalità”: oblio, umiliazioni e ingiustizie sono gli ingredienti più tipici nel menù del dopo-incidente. 

      Per Simone ed Andrea non è stato neanche possibile conoscere l’esatta dinamica dell’accaduto; il testimone diretto,il passeggero rimasto ferito, non è stato infatti convocato, ma non si è neppure verificata la presenza dei testi invece convocati, né quella dei familiari: prima ancora di cominciare, il procedimento penale è stato sbrigativamente concluso con l’accoglimento da parte del Tribunale di Forlì – giudice dr. Stefano Celli – della richiesta di patteggiamento avanzata dal re-sponsabile: dieci mesi di reclusione per omicidio colposo plurimo, pena naturalmente sospesa.

     Quando il padre di Simone ha avuto l’ardire di chiedere qualche spiegazione aggiuntiva è stato bruscamente invitato al silenzio, si sarebbero presi altrimenti provvedimenti a suo carico: è  questa la “normalità”  della nostra giustizia.


Data di creazione : 31/12/2007 * 11:41
Categoria : -
Pagina letta 6258 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°4 

con Lorella il 20/05/2009 * 16:33
che vergogna!!!Ogni volta che leggo storie come questa non posso che indignarmi.Vi sono vicina

Risposta n°3 

con cat il 09/04/2009 * 21:53

antonietta e gianni, capisco il vostro dolore e la vostra disperazione, io sto ancora lottando in  tribunale dopo 7 anni, per dare tutta la colpa a mia figlia e a me .. proprietaria del motorino, mia figlia e l'amica morte sotto il treno a bologna

nel 2002 .... l'accompagnava a casa.. mia figlia ha gia' pagato tanto... la sua vita..... e la nostra....... l'altra famiglia prima d'accordo .. che salisse sul motorino.... ma poi adesso  .. vogliono giustizia: "un miliardo e mezzo"

solo a noi  importa ... solo a noi ........ anch'io ho provato a difendere mia figlia

in tribunale... ma il giudice.. mi ha intimato il silenzio, se no' mi mandava fuori... tutte quelle cattiverie su mia figlia  e  io  "devo"  stare  anche  zitta!!!!!!


Risposta n°2 

con antonella78 il 25/12/2008 * 00:34
BUON NATALE!!

Risposta n°1 

con CIANA il 29/06/2008 * 00:32
CIAO Simone ho letto la tua storia e mi dispiace tanto tanto che nessuno abbia avuto la forza di lasciarti un messaggio,sei li da tanto tempo spero che il lavoro che il SIGNORE ti ha dato sia quello di occuparti delle giovani vite spezzate in questo mondo , cosi sarai amico di Umberto e Daniele i miei figli uccisi da pirati il primo Umberto 1999 Daniele il 2007 ,BRILLA E ILLUMINA  LA STRADA DELLA SERENITA AI TUI  PARENTI MAMMA E PAPA un abbraccio luciana

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X