Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Siete qui :   Home » Opuscoli 4° volume 2002: Cristiana Altobelli
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...

Opuscoli 4° volume 2002: Cristiana Altobelli

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Cristiana Altobelli, 24 anni - Roma  - 1 giugno 1976 - 18 dicembre 2000
Cristina Altobelli.jpg18 dicembre 2000, Roma, grande raccordo anulare: Cristiana Altobelli, Cri-Cri in famiglia, 24 anni, 4 lingue, occupata in una agenzia di viaggi, è a bordo dell’auto guidata dal suo ragazzo quando una foratura la ferma: corsia di emergenza, triangolo, luci di posizione, inutili tentativi di svitare l’ultimo bullone.
Col cellulare chiamano il padre del ragazzo che prova anche lui senza successo; alle 2 di notte arriviamo in soccorso il mio uomo e io, chiamati a nostra volta mentre stiamo rientrando a Roma; parcheggio la mia auto dietro le altre, le luci lampeggianti accese anche se tutto il tratto è bene illuminato.
Il mio compagno scende e si avvia mentre apro il cofano per prendere il crick; è in quel momento che arriva a velocità folle una Ritmo che invade la corsia di emergenza e uccide mia figlia, il mio compagno e il padre del ragazzo: il conducente non si ferma, è un guard-rail di cemento a fermarlo 500 metri dopo, ma non torna indietro a vedere cosa ha fatto. 

Dirà che ha avuto un colpo di sonno, non viene sottoposto ad esame tossicologico, non si presenta all’interrogatorio; l’omicidio, perché di questo si tratta, viene riportato dai giornali come un incidente, “ragazza uccisa in un incidente stradale”; le indagini durano cinque mesi, intanto chi ha ucciso è fuori, e tre innocenti nella bara.
      Resto io – una morta vivente – a scegliere ogni volta quale tomba visitare, su quale bara piangere.
      Resto io, una madre, una compagna, a chiedere e a urlare giustizia.

Anna Maria Tommasi 


Data di creazione : 31/12/2007 * 11:19
Ultima modifica : 04/01/2008 * 00:26
Categoria : -
Pagina letta 5505 volte


Commenti a questo articolo


Risposta n°6 

con   ANNA_MARIA il 03/03/2010 * 14:33
sono trascorsi 10 anni, ma per me è sempre..ieri..che un assassino mi ha tolto tutto..io sono morta insieme alla mia dolce cri_cri e al mio compagno..il 18 dicembre 2000.volevo ringraziare .tutte le persone che mi hanno scritto...MA QUANTO è DURA  SOPRAVIVERE.......

Risposta n°5 

con   roby il 15/07/2009 * 14:27
dio mio quanto eri bella riposa in pace cristina

Risposta n°4 

con Sergio il 28/04/2009 * 18:32
Un pensiero per la tua dolce Cristiana e per chi con lei condivide spazio e momento ora.A te, Anna Maria, lascio un abbraccio, virtuale ma sincero, che spero possa significarti l'affetto e la comprensione.
Sergio

Risposta n°3 

con   cat il 06/04/2009 * 11:52

ti sono vicina, anch'io sono una mamma che ha perso una figlia......

 cri-cri sara' sempre vicino a te! e' dura ma per loro lotteremo, il loro ricordo non ce lo togliera' nessuno.... un forte abbraccio


Risposta n°2 

con   antonella78 il 25/12/2008 * 00:24
BUON NATALE!!!

Risposta n°1 

con   Flavia il 22/09/2008 * 08:16

Ciao,

che dolore mi provoca leggere queste parole. Dio mio quanta sofferenza. Io ho perso una persona a me cara 3 anni fa dopo 8 anni di fidanzamento ed ora a distanza di tempo sto bene...voglio solo dirti che è brutto anzi impossibile sopravvivere, soprattutto per te che hai perso 2 persone così importanti, ti dico solo di pensare che un giorno tutti ci rincontreremo, che tua figlia vorrebbe un tuo sorriso, che il tuo compagno ti vorrebbe felice e che Dio nn ti ha tolto nulla, non c'è un perchè. C'è tanta sofferenza e tu devi farlo per loro, sii forte ti prego.

Ciao