chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1785 utenti
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Allara Paolo 25 anni - Valperga (TO) - 3 gennaio 1989
Paolo Allara.jpgScrivo quanto è accaduto e come ha perso la vita a soli 25 anni mio fratello Paolo.
Egli era fermo ad un incrocio a Torino, in via Reiss Romoli per svoltare a sinistra in via Lulli.
Erano circa le 18, era andato a prendere la fidanzata al lavoro.
Fermo al centro strada, con la freccia a sinistra, gli piomba addosso una vettura contromano, cioè gli arriva da dietro e lo sbalza a 30 metri fuori dal veicolo, lasciandolo senza vita sul marciapiedi,
la ragazza gravemente ferita  si salverà.
Sappiamo poi,che questa macchina era condotta da uno zingaro ubriaco che, a grande velocità sorpassava tutte le auto ferme fino a schiantarsi contro la fiat uno di Paolo.
Dopo l’accaduto fuggì,  ferito si fece medicare in ospedale dove si trovava la ragazza di mio fratello, capito che si trattava del pirata che aveva provocato l’incidente fu “arrestato”.
Peccato che passò solo quella notte in galera, quando il giorno dopo fummo convocati dalla Polizia era già stato rilasciato, nonostante avesse diversi fogli di via, cioè non avrebbe dovuto essere in Italia!! Invece non solo c’era, ma un prestanome gli aveva dato un’auto, un’arma per uccidere nelle condizioni in cui era alla guida.
Nonostante questo, otto mesi dopo, nel processo che lo vedeva condannato in contumacia e dove  fu considerato omicidio colposo e non volontario, (come lo è dal nostro punto di vista) la pena fu revocata e nessuno aveva sentore di che fine avesse fatto….si era dileguato furbescamente, ben difeso dai suoi avvocati!! Perché difendere certa gente? Per soldi!!
Da allora siamo indignati, non crediamo più nella giustizia!
Casi come il nostro ora sono all’ordine del giorno, ci uniamo a voi nella speranza che l’unione faccia la forza che da soli non abbiamo avuto per onorare la memoria di Paolo e di tutti quelli che come lui non hanno più voce.
La famiglia


Data di creazione : 06/11/2007 * 00:07
Categoria : -
Pagina letta 6348 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°2 

con antonella78 il 25/12/2008 * 02:16
BUON NATALE!!!

Risposta n°1 

con clelia82 il 07/11/2007 * 11:49
Purtroppo... so quello che significa anche mia cugina è stata uccisa da un romeno ubriaco è morta da un anno e mezzo e ancora non c'è stato un processo... nemmeno io credo più nella giustizia... e so che da sola sono una goccia nel mare... però come dite voi, insieme sono sicura che qualcosa cambierà per dare una giustizia a tutti i nostri angeli della strada... un bacio!

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X