chisiamo.png
L' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

fiorivittimestrada.jpgMemorie

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Preferenze

Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
Captcha reload
Copia il codice :

Agenda

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

PP_logo_h_100x26.png
Nuove adesioni e rinnovi

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Francesco Panucci, 25 anni - Roma

Francesco Panucci.jpgFrancesco Panucci era nato a Roma nel 1966 ed aveva 25 anni; iscritto alla Facoltà di Scienze statistiche, aveva concorso ed ottenuto l'accesso all'Accademia militare della Guardia di Finanza di Bergamo presso la quale frequentava il terzo anno di corso.

Nella notte del 1° novembre 1991 Francesco con la sua Y10 rientrava in Accademia con un altro ufficiale e mentre transitava sulla tangenziale Est di Milano, dopo una curva ad una biforcazione priva di illuminazione e di ogni segnalazione, non a conoscenza del percorso e convinto che la direzione principale fosse - come su tutte le autostrade - quella di sinistra, proseguiva in questa direzione; qui invece l'asfalto terminava ed iniziava la zona dissestata e senza uscita dell'ex svincolo di- smesso di Metanopoli.

La vettura per il fondo sconnesso si ribaltava, provocando la morte sul colpo di Francesco mentre l'altro ufficiale rimaneva incolume.

L'ex svincolo disattivato, situato sulla sinistra della carreggiata, era stato lasciato incoscientemente accessibile in spregio alle norme del Codice della strada, determinando una situazione di pericolo occulto non visibile né prevedibile: trappola mortale della quale soltanto dopo la morte di Francesco la società Autostrade, con tardivo riconoscimento di colpa, sbarrò l'accesso con un guard-rail.

Inizialmente il sinistro fu archiviato come accidentale ma dopo due istanze in cui si sottolineava la sussistenza dell'insidia si arrivò al rinvio a giudizio per omicidio colposo dei responsabili della società Autostrade: il processo, iniziato nel 1993, è terminato nel 1999 con un nulla di fatto visto che per il Direttore dei lavori la sentenza conclude nel senso che "l'imputato dovrebbe essere ritenuto colpevole del reato ascrittogli, ma per effetto delle attenuanti generiche la pena da considerare viene a porsi al di sotto dei cinque anni di reclusione e pertanto il reato deve considerarsi estinto per prescrizione".

L'amara conclusione del processo ha riconfermato che la certezza dell'impunità resta uno dei problemi della giustizia contrassegnata da tempi biblici, mentre sulle strade l'insipienza dei responsabili e l'incuria dei preposti continuano a determinare situazioni di grave pericolosità per tutti gli utenti.


Data di creazione : 16/07/2007 * 11:12
Ultima modifica : 16/07/2007 * 14:03
Categoria : -
Pagina letta 5587 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°3 

con Sergio il 26/04/2009 * 13:59
Un pensiero per Francesco, perchè non è stato dimenticato. Un abbraccio ai suoi cari...
Sergio.

Risposta n°2 

con cat il 15/03/2009 * 02:04

mamma mia che bel ragazzo, la mia cinzia di anni 15 e' morta accompagnando a casa un 'amica, sono morte sotto il trenoil 27/11/02 a bologna.....

e l'altra famiglia mi chiede un risarcimento danni di un miliardo e mezzo

perche'mia figlia ha ucciso la sua......

ma la mia dov'e'??? la mia era a scuola......

ho fatto un sito alla mia principessa: www.myspace.com/cinziaanastasio 


Risposta n°1 

con antonella78 il 25/12/2008 * 00:15
BUON NATALE!!!

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it