chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1782 utenti
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Flavio De Felice, 30 anni - Ravenna - 20 gennaio 1962 - 29 agosto 1992 

Flavio Defelice.jpgFlavio nasce a Ravenna il 20 gennaio 1962; si diploma come perito elettronico; presta il servizio militare come paracadutista congedandosi il 21.2.84 col grado di caporal maggiore - rendimento nell'incarico: ottimo. Donatore volontario all'Ospedale di Ravenna, dipendente dell'AGIP mineraria e sposato da dieci mesi, aveva molti amici anche tra i colleghi di lavoro e una gran voglia di vivere.
 
 La sua vita viene spezzata in quel triste mattino del 29 agosto 92, compiuti da poco i trent'anni, con la caduta dalla moto e lo schianto contro l'auto che procedeva in senso contrario.
 
 Al dolore per la perdita è difficile sopravvivere, tanto più quando vi si aggiunge la beffa: il Giudice delle indagini preliminari respinge per due volte la richiesta di archiviazione in quanto il conducente dell'auto non ha rispettato il limite dei 50 km/h, ma dopo il rinvio a giudizio il responsabile della segnaletica del Comune di Ravenna esclude che vi fosse quel limite e il Primario che aveva attestato in Ospedale la morte di Flavio si presenta come teste a favore dell'imputato, che alla fine viene assolto con sentenza che passa in giudicato.
 
 E c'è ancora che questi apparteneva alla Polizia di Stato, che le indagini sono state svolte dalla stessa Polizia: non sarebbe stato opportuno, dopo i primi accertamenti, passarle ai Carabinieri?
 
 Non riesco ad arrendermi, chiedo l'intervento del Difensore civico; i vigili urbani ammettono di avere contestato nel 1992, su quel tratto di strada, 190 contravvenzioni per eccesso di velocità: dunque il limite c'era, e finalmente il nuovo responsabile comunale della segnaletica lo ammette; il processo non si potrà rifare ma a Flavio comincia a essere data giustizia.


Data di creazione : 15/07/2007 * 10:48
Categoria : -
Pagina letta 5175 volte


Commenti a questo articolo

Commento n°3 

con cat il 15/03/2009 * 01:35

mia figlia cinzia di anni 15 e'morta con un'amica, sotto il treno con il mio motorino..... l'altra famiglia dopo 7 giorni, si fingeva prima amica, facendomi fare la messa assieme, al cimitero vicine, e poi mi chiede un miliardo e mezzo di danni, .. lo zio poliziotto,  arriva per primo, nasconde tutto e butta via i miei vestiti, forse da li' avremmo capito chi era alla guida,  fa  dire ai ragazzi, cosi' compariranno nelle testimonianze a loro favore che era cinzia che guidava... dandogli la colpa di tutto, io stanca ogni volta di assistere in silenzio in un angolo ai loro dibattiti, tra giudice e vari avvocati, ho preso parola e ho detto: basta... dare la colpa a cinzia.... chi c'era al momento del passaggio??? non c'era nessuno  e allora  perche' non avete chiesto alle macchine ferme?????  perche'??????? ad aprile ci sara' un 'altro processo va avanti da 7 anni

e tutti dicono che perdero',  nel cuore  so' chenon era cinzia alla guida, ma non so' se riusciro' a dimostrarlo...

se vuoi va' a vedere su www.myspace.com/cinziaanastasio


Commento n°2 

con antonella78 il 25/12/2008 * 00:08
BUON NATALE!!

Commento n°1 

con CIANA il 23/08/2008 * 23:44
CIAO FLAVIO OGNI TANTO GUARDO GLI OPUSCOLI  E PROVO DOLORE QUANDO NON TROVO DUE RIGHE  UN PENSIERO ..VORREI LASCIARTI IL MIO QUESTA SERA  E UNA PREGHIERA PER TE SONO LA MAMMA DI UMBERTO E DANIELE SANITA ....UN ABBRACCIO ALLA TUA FAMIGLIA

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X