Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Opuscoli 1° volume 1999: Andrea Carraro
 
 
 
 

Opuscoli 1° volume 1999: Andrea Carraro

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Andrea Carraro, 19 anni - Sandon di Fossò (VE)  - 1 dicembre 1975  - 5 giugno 1995

Andrea Carraro.jpg"La necessità di parlare, l'imbarazzo di non aver nulla da dire e la brama di mostrarsi persone di spirito, sono tre cose capaci di rendere ridicolo l'uomo più grande".

Trovai questa frase, trascritta da mio fratello Andrea, in quei giorni terribili: un ritratto perfetto della sua personalità.

Era nato nel 1975, avrebbe compiuto 20 anni il 1° dicembre. Studiava chimica industriale all'Università di Padova, ne era soddisfatto. Attivo nella vita parrocchiale, seguiva e animava i giochi dei bambini. Era uno sportivo, tra i suoi hobbies anche la musica: suonava con un gruppo di amici, tra questi quello che guidava l'auto in quella folle corsa.

Cosa devo scrivere di te, Andrea? Mi hai lasciato in eredità anche questo insegnamento: sii semplice e franco, il tuo dire sia si o no, niente frange inutili; ma tu sai ora quanto tutto sia difficile e complesso, e come sia difficile scriverne.

Sono passati piu di 4 anni ma il tuo ricordo è ben vivo in noi. Può sembrare stupido ma ci spiace non possedere una foto che Ti renda giustizia; del resto, avremmo mai scattato delle foto pensando potessero servire a questo?

Il 24 giugno 95, alle sette di sera, passò a prenderlo il suo migliore amico per andare a una festa di compleanno. L'incidente avvenne a meno di 2 chilometri da casa, l'auto uscì di strada urtando dalla parte di Andrea, la cintura di sicurezza non bastò a salvarlo. Non conosciamo meglio la dinamica dei fatti, né volemmo conoscerla.

Rimase in coma per tre giorni, il 5 giugno ci informarono della possibilità di donare i suoi organi, demmo il nostro consenso.

Il giovane alla guida, uscito pressoché indenne dall'incidente, sostiene di non ricordare nulla: l'amicizia che lo legò ad Andrea ci impedisce di serbargli rancore.

Il processo si chiuse dopo "solo" due anni; del tutto impreparati a ciò, accettammo un risarcimento risibile, di poco superiore ai 200 milioni, soldi che comunque non avremmo usato per noi.

Oggi sappiamo che in qualunque modo si reagisca a una "esperienza" del genere, resterà sempre il segno di una insanabile lacerazione; come ogni frattura, però, queste tragedie segnano insieme una fine e un inizio: gli innocenti non possono morire inutilmente e a noi famigliari non resta solo il compito di piangerli ma anche quello di testimoniare per loro.

Leonardo Carraro *

* responsabile dell' AIFVS per la provincia di Venezia


Data di creazione : 14/07/2007 * 18:45
Ultima modifica : 15/07/2007 * 10:43
Categoria : -
Pagina letta 12209 volte


Commenti a questo articolo


Risposta n°3 

con   cat il 15/03/2009 * 01:26

un abbraccio ai familiari di andrea, mia figlia cinzia anastasio di 15 anni e' morta con un amica sotto il treno.... pensavo di piangere assieme, erano amiche..... al cimitero vicine  e .... invece.... l'altra famiglia mi chiede un risarcimento danni di un miliardo e mezzo  di lire, perche' loro hanno subito un danno......

ho fatto un sito a cinzia su www.myspace.com/cinziaanastasio


Risposta n°2 

con   antonella78 il 25/12/2008 * 00:07
BUON NATALE!!

Risposta n°1 

con   angeloantonio il 05/06/2008 * 16:47
Un ricordo per te caro Andrea, e un saluto alla tua famiglia ciao Andrea