Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1803 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :

Testimonianza n°16

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Mille Miglia

macchina_da_scrivere.jpgMi chiamo E. S. ho 39 anni e, il 18/05/07, tra le ore 10.00 e le 12.00 stavo percorrendo la statale 16 per recarmi da Rimini a Ferrara.
Ebbene ho assistito ad uno spettacolo molto inquietante che descrivo qui di seguito: Preciso che sono un agente di commercio e pertanto trascorro la maggior parte del mio tempo in auto.
Venerdì 18/05 mi stavo recando a Ravenna e, sul senso opposto di marcia, si stava svolgendo la Mille Miglia che più che essere una mille miglia sembrava il circuito di Le Mans, auto d'epoca con più di cinquant'anni di età quindi non dotate di tecnologia mirata alla sicurezza ed alla stabilità sfrecciavano come proiettili sulla statale 16 che, per chi non la conoscesse, è una stretta strada di campagna con sole due corsie, svariate curve ed il limite di velocità varia tra i 50 ed i 70Km/h.
Ho rischiato, per causa di alcuni concorrenti incoscienti, tre incidenti frontali poichè sorpassavano in curve strette con striscia continua a velocità elevatissima, uno dei tre è stato particolarmente pericoloso tant'è vero che mi sono dovuto fermare dallo spavento e durante questa sosta Le ho telefonato.
La mille miglia è una manifestazione molto bella oltre che folkloristica, ma credo che sarebbe meglio trovare una formula (lo dico alle Istituzioni) che imponga e vigili sul rispetto delle norme del codice della strada qualora si svolga su strade pubbliche, altrimenti esistono i circuiti dove i concorrenti possono esaltare la loro voglia di correre senza arrecare nessun potenziale danno a terzi (ahimè, danni talvolta irreparabili).
Ho parlato anche con un agente della Stradale il quale mi ha detto che un pò di tempo fa c'è stato anche un morto e che loro più che fare le contravvenzioni non ci possono fare nulla, gli ho chiesto: Dove sono gli autovelox???? Non ne ho visto nemmeno mezzo!!! tre anni fa uscivo da un ristorante, ho bevuto due bicchieri di vino, mi hanno fermato e conclusione??: Patente ritirata per 15 giorni, processo penale con pagamento di oblazione di 1200 euro per estinguere il reato, poichè di reato si tratta e quindi pregiudica il casellario giudiziario, due anni di esami clinici presso il sert tra tossicodipendenti ed alcolisti.
Consentitemi:.....Ma che schifo!!!


Data di creazione : 06/06/2007 * 23:10
Categoria : -
Pagina letta 8206 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it