Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1812 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Copia il codice :

Le vostre testimonianze

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

Altre Testimonianze del -  2009   -  2010  -  2013  

Testimonianze AIFVS

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Le vostre testimonianze

Testimonianza n°1

Il 1° settembre 2005, mio figlio, di 17 anni, al ritorno dal lavoro, apprendista meccanico, è stato vittima di un grave incidente stradale. 

 Continua

Testimonianza n°2

Sono la mamma di un ragazzo di 28 anni Gianni, morto il 25 luglio 2005 in un incidente stradale. Ho letto l’articolo della vostra associazione  

Continua

Testimonianza n°3

Cara Mamma,Te ne sei andata il 29 Novembre 2005 a 70 anni su quella  strada che tu facevi tutti I giorni per recarti al vicino supermercato.......

Continua

Testimonianza n°4

Grazie all’Associazione “Familiari Vittime della Strada”  adesso riesco ad avere ancora una speranza di potermi risollevare......

 Continua

Testimonianza n°5

Roberto Casalboni, 39 anni, è morto in Norvegia in seguito ad un incidente stradale il 17 agosto 2003. In sella alla sua moto, al crocevia di Kristiansand.

Continua

Testimonianza n°6

Mi hanno tolto la voce. Ciao sono Alessandro. Avrò per sempre 29 anni; per mia sfortuna, ho incontrato un ventenne alla guida di una betoniera.  

Continua

Testimonianza n°7

Era il 22/02/03 ,ero in auto con dei miei amici,stavamo trornando a casa , dopo una serata come tante ,passate in discoteca,erano le 2.30 circa. 

Contiene filmato

Continua

Testimonianza n°8

Vi invio qui di seguito la lettera che ho scritto ad un giornale locale e pubblicata nel mese di novembre che ha voluto essere uno sfogo ad una nuova ed ennesima ingiustizia nei tribunali , nei confronti questa volta di mia sorella Alice BigoniNon ho parole per commentare tutto ciò 

Clicca qui

Testimonianza n°9

Siamo in piena atmosfera natalizia, ed io con questa lettera non vorrei angosciare nessuno, ma solamente sensibilizzare le Istituzioni ed a chi di dovere.  

 Continua

Testimonianza n°10

Domenica 07/01/2007 io  M. R., mio fratello M. F. ed un altro nostro amico, G. S., tutti da F…..  e con le rispettive motociclette, siamo usciti a fare un giro in moto. Io portavo con me la mia ragazza.  

 Continua

Testimonianza n°11

Quando sui giornali finiscono certi ragazzi e si fa la conta dei morti e dei feriti mi sembra di aver fallito.ognuno fa prevenzione nella sua provincia.

 Continua

Testimonianza n°12

Mi chiamo Antonio e sono un Capo Squadra dei Vigili del Fuoco. Con il lavoro che svolgo, anche questa notte - per l’ennesima volta - sono intervenuto  su un incidente stradale mortale in autostrada   

 Continua

Testimonianza n°13

Ormai la strage fa notizia quando a sfracellarsi son più di tre per volta, quasi come se ogni vita singola non fosse di per sé un unico olocausto. Se ne parla sui giornali, quasi sempre di domenica e quando a morire maciullati sono ragazzi

 Continua

Testimonianza n°14

La storia di Miguel e Rafael è una lunga e tragica storia, loro si sono aggiunti alla lunga lista dei 45.000 deceduti in  Europea come vittime stradali il gg. 11/09/2006 in Malaga una provincia al sud della Spagna, ove nasce la Costa del Sol.

 Continua

Testimonianza n°15

Mi chiamo Rosario, ho 14 anni. Ho scaricato i vostri videoclip sul sito di Metticilatesta. Cosa fondamentale, soggetto della mia e-mail, è dirvi quanto è stato utile fare questo sito sia per me che per i miei familiari.

 Continua

Testimonianza n°16

Mi chiamo E. S. ho 39 anni e, il 18/05/07, tra le ore 10.00 e le 12.00 stavo percorrendo la statale 16 per recarmi da Rimini a Ferrara. Ebbene ho assistito ad uno spettacolo molto inquietante che descrivo qui di seguito: 

 Continua

Testimonianza n°17

Andrea mi manchi, ci manchi tantissimo!
Dieci anni senza di te sono infiniti e pochi lo capiscono, dolore e lacrime infinite per questa mancanza…continuo a scriverti e a volte mi dico se ha senso e poi continuo…..

 Continua

Testimonianza n°18

Chi scrive è una madre alla quale hanno portato via la sua unica ragione di vita: il suo unico figlio Stefano.
Io non ho più nessuno di cui preoccuparmi, nessuno da proteggere, nessuno per cui lottare, insisterò  affinché .....

 Continua

Testimonianza n°19

Era tanto tempo che volevo farlo, raccontare anche la mia storia, anzi la storia di mia madre, investita 7 anni fa sotto casa.
Era la mattina del 26 luglio 2001, la mia mamma era una persona molto attiva, alle sette del mattino era uscita di casa ........

 Continua

Testimonianza n°20

Debora aveva diciassette anni.
Era in quell’età che da adulti viene ricordata sempre con un po’ di nostalgia.
Debora era una ragazza bella, intelligente, solare, piena di sogni. Sogni che si sono infranti dopo quello che doveva  .........

 Continua

Altre Testimonianze del -  2009   -  2010  -  2013  

ul.share-buttons{ list-style: none; padding: 0; }


Data di creazione : 11/03/2007 * 12:22
Ultima modifica : 12/10/2008 * 19:19
Categoria : - Testimonianze
Pagina letta 59142 volte


Commenti a questo articolo


Risposta n°5 

con fabrizio il 24/06/2008 * 00:11

La mia storia è a lieto fine, riguarda me che sono ancora qui a scrivere. Accadde 20 anni fa esatti, giugno '88, sulla strada provinciale per Gioia dei Marsi (AQ). Ad un certo punto la mia auto impazzì, cominciò a fare testacoda, sembrava di volare ma quando il volante (che girava talmente forte da non potersi quasi toccare) terminava la sua corsa, l'auto veniva gettata violentemente dall'altro lato. Vedevo gli alberi di ulivo che costeggiano quella via venirmi addosso e poi allontanarsi di botto. Sfiorai un frontale guardando negli occhi l'altro autista tanto era vicino. L'auto mi era stata manomessa per dispetto - bulloni delle ruote svitati -vicino la caserma in cui prestavo allora servizio (era un dispetto di cui molti erano stati oggetto, e presso i CC locali dovrebbe esserci ancora la mia denuncia per tentato omicidio). Tutta la scena durò pochi secondi che a me parvero un secolo, ad un tratto, prima che l'auto cappottasse, disintegrandosi sull'asfalto, io vidi tutta la scena dall'alto, non avevo più alcuna sensazione. Poi buio, e luce di nuovo; uscii dall'abitacolo meccanicamente, illeso. Vorrei poter pensare e comunicare questo mio pensiero: forse in quel momento l'anima si allontana per lo choc emotivo dal corpo, e il corpo non soffre, lo spero per tutte le persone perdute negli incidenti stradali e per le famiglie alle quali invio con affetto questa mia piccola riflessione e un abbraccio sincero.

Fabrizio


Risposta n°4 

con Luigia il 14/07/2007 * 19:11

BUONGIORNO,

SONO LUIGIA,E VORREI RACCONTARE QUELLO CHE MI E' SUCCESSO.

IL 14 MAGGIO TORNANDO A CASA IN MACCHINA CON MIO FIGLIO DI 6 ANNI ,HO AVUTO UN INCIDENTE .

UNA MACCHINA (TAXI) HA SUPERATO NELLA CORSIA OPPOSTA ALLA MIA ,INFRANGENDO IL CODICE DELLA STRADA ,POICHE' C'ERA LA LINEA CONTINUA...

IO PER EVITARE UN FRONTALE ,HO STERZATO E SONO FINITA ADDOSSO ALLE MACCHINE PARCHEGGIATE.

L'IMPATTO PURTROPPO HA FATTO CAPOVOLGERE LA MIA MACCHINA.

IL CONDUCENTE NON SI E' FERMATO.

LO SPECCHIETTO DI SINISTRA HA SPACCATO IL MIO VETRO E L'IMPATTO CON IL CEMENTO MI HA CAUSATO GRAVI DANNI AL BRACCIO SINISTRO.

MIO FIGLIO,AVENDO LA CINTURA ED ESSENDO SEDUTO DAL LATO DESTRO,HA RIPORTATO SOLO DEI GRAFFI SULLA MANO SINISRTA.

IO SONO STATA PORTATA IN OSPEDALE.....QUI SONO RIMASTA PER 3 GIORNI CON IL BRACCIO PIENO DI VETRI ,CEMENTO ,E RESIDUI VARI CHE SI POSSONO TROVARE SULL'ASFALTO.

HO DOVUTO ASPETTARE 3 GIORNI PERCHE' NON C'ERA IL CHIRURGO CHE POTESSE DECIDERE COSA FARE DEL MIO BRACCIO........IL TERZO GIORNO MI HA VISTA E HA DECISO DI FARMI TRASFERIRE IN UN ALTRO OSPEDALE!

SONO STATA OPERATA,MI HANNO FATTO UNA PLASTICA PRELEVANDO UN PEZZO DI PELLE DALLA MIA COSCIA!

SONO PASSATI QUASI 2 MESI E HO INIZIATO LA FISIOTERAPIA.

HO FATTO (A MIE SPESE )UNA RADIOGRAFIA E IL RADIOLOGO HA DETTO CHE HO ANCORA PARECCHI VETRI!SECONDO LUI AVREBBERO POTUTO "RIPULIRMI" COMPLETAMENTE!

HO DOVUTO INOLTRE FARE UNA ECOGRAFIA (A MIE SPESE)E ANCHE L'ECOGRAFO MI HA DETTO CHE CON APPARECCHI SPECIALI AVREBBERO POTUTO "RIPULIRMI"DEL TUTTO...

HO ANCORA UNA QUINDICINA DI VETRI,I MEDICI CHE MI HANNO OPERATO MI HANNO DETTO CHE COL TEMPO "USCIRANNO DA SOLI!!!!SENTIRO' PUNGERE E DOVRO' ANDARE A FARLI TOGLIERE....QUESTA STORIA AVRA' FINE?

 

 

LA MIA DOMANDA E' QUESTA

SONO STATA ASSISTITA NEL MODO GIUSTO NEI DUE OSPEDALI?

SARO' "RIPAGATA" DA TUTTO QUELLO CHE MI E' SUCCESSO?

HO 3 FIGLI E PER UN LUNGO PERIODO NON HO POTUTO OCCUPARMI AL MEGLIO DI LORO....QUESTO DANNO NON ME LO RIPAGHERA' NESSUNO!!!!

SPERO DI AVERE UN VS. GRADITO RISCONTRO

LUIGIA


Risposta n°3 

con Rosy il 17/05/2007 * 12:51
 Cara Elisa è quasi due anni che me lo chiedo anchio ,perchè c'è chi  campa 100 anni  ,chi invece muore nel fiore della vita.Purtroppo non mi so dare spiegazioni ,dopo che ho perso il mio Angioletto oggi avrebbe compiuto 12 anni,se quel maledetto non me l'avrebbe ammazzato. Comunque sono vicina a tutti in particolar modo ai genitori di queste vite spezzate per colpa di altri.

Risposta n°2 

con assunta1 il 08/05/2007 * 15:18

Non ho altro spazio per far sapere a tutti quanto ci manca Antonio,il nostro caro Antonio scomparso la sera del 18 febbraio 2007. scrivo qui il messaggio di una sua amica per far capire a tutti com'era e com'è importante per noi
Non ci credo…è successo ancora.
Oggi è come se mi avessero strappato il cuore.
Come si può immaginare di non vedere più il viso di una persona amica dalla sera alla mattina? Me lo sono sempre chiesto e ora imparerò a conviverci, perché Antonio, purtroppo, non c’è più. Se penso a quello che è successo, mi domando perché ci siano persone che hanno la fortuna immensa di vivere fino a cento anni e altri la cui esistenza viene orrendamente interrotta da una strada maledetta, ad appena diciannove.
Antonio era un ragazzo splendido, ed era impossibile non essergli amico/a, era un ragazzo serio e buono…con un sorriso dolce e luminoso.
Con me sei sempre stato disponibile, simpatico, gentile e sincero…la strada ha portato via solo il tuo corpo, il Signore ha preso con Se’ la tua anima, ma a tutti noi rimarrà, sicuramente, il ricordo del tuo cuore…il tuo grande cuore.
Anche se non conoscevo bene Paola, oggi mi sembra di aver perso una sorellina…
Il Signore ha chiamato a Se’, altri due piccoli angeli...facciamoci forza…tutti quanti.
Lory e Francesca, loro vi sono vicini, io vi sono vicina.

Buon riposo, fratellini miei…

Mary…..


Risposta n°1 

con elisa84 il 29/04/2007 * 15:15

sono un infermiere rianimatore....lavoro al pronto soccorso...soccorro decine e decine di persone e di giovani dopo incidenti stradali...dovrei essere abituata, ed invece ogni volta è una pugnalata nello stomaco. anche soltanto leggere queste testimonianze...e mi chiedo, perchè?! ragazzi la vita è una sola. so che si pensa che non potra mai succedere a noi, che si, fa dispiacere leggere di quel ragazzo cosi giovane ma tanto io sto attento....e invece no, la maggior parte delle persone che ho tirato fuori vive da un codice rosso mi hanno proprio raccontato che "non avevano mai pensato potesse succedere a loro"...e il mio pensiero va soprattutto ai parenti di quelle persone, a quei genitori che hanno ricevuto telefonate che non avrebbero mai pensato di ricevere e non avrebbero mai voluto ricevere. telefonate che tante volte ho dovuto fare anche io! allora pensiamoci un attimo di più...perchè quando le cose sono successe, tornare indietro è difficile, e spesso impossibile


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it