Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
Siete qui :   Home » Opuscoli 14° volume 2014 - Marco Rizzetto
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...

Opuscoli 14° volume 2014 - Marco Rizzetto

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Marco Rizzetto , 23 anni  -  Portogruaro (VE)  2 maggio 2014

Marco_Rizzetto.jpg

Sono il papà di Marco, 23 anni, morto in un incidente molto "ANOMALO", accaduto la sera del 02/05/2014. Preso sulla sua corsia di destra rispetto all'autovettura che uscendo da uno stop alla velocità di 110Km/h  ne provocava la morte (non sappiamo se istantanea poiché la procura di Pordenone non ha disposto l'autopsia).
 
Il tutto in una lottizzazione aperta con strade finite e segnalazioni molto visibili sia verticali che orizzontali e con illuminazione stradale parzialmente accesa con strada asciutta e buona visibilità. L'anomalia sta nel fatto che il passeggero (poi sapremo l'amante della sig.ra che guidava) uscito illeso si è allontanato non prestando soccorso a mio figlio sbalzato nell' impatto a 38 m con l'auto, ne a lei, con il piede sinistro rotto e incastrata nell'auto. 
 
L'amante dopo l'urto, unico illeso, abbandona il luogo dell'incidente e percorre circa due Km a piedi attraverso i campi, arriva  sulla strada statale e telefona all'amico meccanico (forse dell'ACI) non al 118 per chiamare i soccorsi.
(L'amico chiamato risulterà di altro paese che poi porterà a casa il fuggiasco.)
 
Nel frattempo, la conducente dell'auto non potendo spostarsi,contatta la sua amica dottoressa chiedendo aiuto.
Le indicazioni su come arrivare in loco pare siano state suggerite dal passeggero che si è allontanato.
Finalmente alle 22,37 viene allertato il 118 dalla dottoressa, le forze dell'ordine allertate chiamano subito dopo l'ACI del posto. Si può solo ipotizzare quanto tempo è stato perso prima che arrivassero i soccorsi.
Abbiamo saputo dai carabinieri che al cellulare di nostro figlio si era staccata la batteria nel momento dell'incidente e che in caserma hanno rimesso in funzione l'apparecchio, non siamo a conoscenza se la vodafone ha dato degli orari sul movimento del telefono. Indagine in corso.
 
La dinamica dell'incidente ci da ragione, poiché la signora ha saltato uno stop, art. 145 del codice stradale, c'è anche l'omicidio colposo e i giornali riportavano altre notizie con particolari che abbiamo letto e per i quali la signora potrebbe essere stata nelle condizioni psico-fisiche di non poter guidare.
Entrambe queste persone che ci hanno sconvolto la vita e causato un dolore insanabile, vivono la loro vita come niente fosse accaduto.
La nostra di vita è stravolta, andiamo a piangere sulla tomba del nostro ragazzo due volte al giorno. Nessuno e nessuna istituzione si interessa o aiuta i genitori che vivono queste tragedie. La legge aiuta i colpevoli per reinserirli nella società. I genitori devono imparare a sopravvivere o possono anche suicidarsi, scelte che ai più non interessano.

Copyright 2001/2014 tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus)


Data di creazione : 22/09/2014 * 15:24
Ultima modifica : 22/09/2014 * 15:29
Categoria : -
Pagina letta 46099 volte


Commenti a questo articolo


Risposta n°57 

con Papa_e_mamma il 31/05/2020 * 21:22

Caro Marco  31 maggio 2020

 Il Venir a trovarti in cimitero,ci provoca sempre un enorme contrasto nel cuore. Felici di starti vicino con l'illusione di riabbraciarti come tu fossi ancora tra noi. Ma nello stesso istante il nostro cuore è pieno di tristezza per come ti hanno lasciato morire, come un essere ripugnante e senza pietà per tè e nessun conforto hai avuto nei tuoi ultimi istanti di vita..Invece di soccorrerti. Ti hanno chiamato a distanza e chi ha paretecipato all' incidente ha pensato solo a fuggire e depistare, questo signore istruisce ancora i suoi allievi ingnari...Che insegnamento e morale può dare uno che fugge senza soccorrere? E noi che abbiamo sempre creduto nella Giustizia, ci hanno trattato peggio di questi che ti hanno ammazzato.. Perdonaci Marco se non riusciremo a tener fede al giuramento di Chiarezza di Verità e Giustizia che ti abbiamo fatto, prima che ti chiudessero nella bara... Però non è detta l'ultima parola... Le vie del SIGNORE sono sempre infinite... E' quando pensano di averla fatta franca e nessuno aspetta più niente, LUI l' Onnipotente si fà sentire con La sua di Giustizia...confusedconfused


Risposta n°56 

con con_genitori il 08/05/2020 * 11:25

Oggi il Tuo Compleanno 8 Maggio ( Avresti compiuto 30 anni)

Era il 02 maggio 2014; mancavano pochi giorni al tuo 24  compleanno,una festa con pranzo in ristorante era pronta per te , fidanzata e noi...Impossibile è stato arrivare a quel giorno, tu costretto a un viaggio nel aldilà senza ritorno... Provocato da due sciagurati,scoperti nella loro relazione...Da allora la nostra vita è diventata un inferno.Ricordando in sequenza quei giorni nefasti, dal 02 maggio 2014/al 09 maggio giorno del tuo funerale. ..Si susseguivano notizie sempre più incredibili ed eclatanti sul tuo caso...Inferno, è solo dolore per noi, regalatoci da questi personaggi senza un bricciolo di coscienza, che ti hanno costretto ad un viaggio senza ritorno... E' si giustificano pure come un caso fortuito dovuto a sola fatalità...Dimenticandosi la loro velocità di salto del suo STOP (oltre 120 km ora) E' altresì pensando e credendo, che nessuno sapesse del perchè erano in quel posto,è di loro due amanti che tutto il paese sapeva da tanto. Ricordiamo le molte telefonate di gente a noi sconosciuta, dal loro paese con solidarietà e vicinanza per il nostro grave lutto, ma anche dandoci conferma del parlare sui due, sulla loro relazione,con l'imbarazzo pure del loro sindaco per quello che avevano combinato, e la loro posizione in giunta...Per il momento ci resta il rammarico di una sola condanna per omicidio a 21 mesi e chi illeso invece di adoperarsi ,vigliaccamente  scappa dal incidente... E per ora se la cava  sulla convinzione dei giudici di una tua morte sl colpo ..Marco... E' per la Giustizia italiana in questo caso è bastato solo il probabilmente morto sul colpo e che si può scappare, abbandonare da incidente e se non si soccorre poi uno muore,  poi dicono comunque; probabilmente morto sul colpo... Suonava la campana per l'inizio del tuo funerale a Portovecchio il 09 maggio 2014 , venivo informato e solo in quei momenti, della  non avvenuta tua autopsia, sconvolto dal fatto, perche i soccorsi quella sera erano arrivati dopo ore, chiamati con molto ritardo, a causa dei depistaggi messi in atto dai due.Non volevo proseguire nella funzione...Mi sentivo tradito dalle Istituzioni, poiché mi avevano rassicurato che tutto avrebbero fatto , anche perché le modalità d' incidente colpivano l'opinione pubblica; mi hanno fatto desistere dal fermare il tuo funerale... Con il tempo, venuto a conoscenza dei depistaggi dei due e di altri quella sera stranamente presenti e chiamati dai due amanti invece del 118. Cosa ci facevano li 6 persone a loro amiche prima delle ambulanze e dei carabinieri e nessuno  badava a mio figlio??? Direi incredibile, inverosimile, inaudito, cose da non crederci, se non ci fosse davvero capitato...Affranti dal dolore, é dalla non giustizia, ricordando che oggi è il tuo compleanno, invece di una festa, ci è diventato un inferno insopportabile. Marco se sempre nei nopstri cuori, e prima o poi qualcuno si mettera la mano nel cuore e capirà  tutto il male fatto, e finalmente avrai e avremo quella giustizia che tanto auspichiamo. Il tuo Papà


Risposta n°55 

con con_genitori il 18/04/2020 * 14:55

Caro Marco    Pandemia... 2020

Il venir a trovarti al camposanto tutti i giorni da 6 anni, era il rito inderogabile per poter stare vicino a tè, sistemarti i fiori, parlare, pregare sulla tua tomba, tra noi ci divideva un solo bianco e freddo marmo, ma ti sentivamo comunque vicino...Pandemia...Niente ci può fermare dal ripercorrere giorno per giorno, quel vialetto del camposanto, ricordando l'incredula marea di gente piangente che ti accompagnava al tuo ultimo viaggio di solo andata verso l'aldilà.... Ora vediamo il tuo sepolcro attraverso una cancellata ferrata nera e chiusa del cimitero, veder di lontano i tuoi fiori appassire, nessuna preghiera ci è possibile al tuo cospetto, ne mano pietosa può dare un goccio d'acqua ai tuoi fiori assettati...Nemmeno far dire e partecipare ad una Santa Messa in suffragio e in ricordo del tuo anniversario del 02 maggio ci è permesso. Neanche una giustizia degna di questo nome ci è stata concessa. Che tristezza... Anche questa infame e maledetta pandemia ci doveva capitare e perseguitare!!...Preghiamo lassù, che Dio Misericordioso ci aiuti e tolga subito a tutta l'umanità questa piaga... E per te Marco preghiamo Dio, che faccia breccia nei cuori e coscienze, di chi ti ha mandato sotto una pietra tombale alla tua giovane età,la sera del 02 maggio 2014.E che abbiano a dire la verità,solo così potranno pensare di ottenere il Tuo e nostro perdono...Ma anche per i Giudici che convinti di una tua morte istantanea e senza prove hanno archiviato, senza mai voler ascoltarci e approfondire. Che tu Altissimo possa almeno alleviare il nostro tormento dei troppi perché nascosti è irrisolti sul tuo caso e forse  con i Tuoi Miracoli, che certe cose si avverano...Sicuri però,che presto con il tuo aiuto Signore e la speranza terrena degli uomini, potremmo cancellare questa maledetta pandemia e allora Marco potremo avere ancora l'illusione nel camposanto, attraverso il freddo marmo del tuo sepolcro di riabbraciarti ancora... Solo questo ci è rimasto o ci hanno lasciato purtroppo... Devastante è stata la tua perdita Marco...Sei sempre nei nostri cuori, ci manchi. Preghiamo nel silenzio della nostra solitudine.. Riposa in Pace Mamma e Papà                                               


Risposta n°54 

con genitori il 30/01/2020 * 11:50

Morto da 5 anni senza Giustizia....

 Tu Marco per i Giudici sei  Probabilmente morto sul colpo,  senza nessuna autopsia o evidenti tumefazioni,o niente altro che ci potesse far credere con sicurezza di una tua morte istantanea, sei stato lasciato li per ore dopo l'incidente senza soccorso,   non hanno saputo dire  neanche che eri solo ... Nessuno è venuto da te per accertarsi delle tue condizioni, sempre per ore. Evidente che dopo ore si muore... Mai ci hanno concesso una tua riesumazione per una RM Total Body e scoprire la verità, neanche se a nostre spese. E convinti  però in questa situazione di una tua probabile morte sul colpo, e se ce una probabile tua morte sul colpo  non avevi  bisogno di essere soccorso!!!  Assurdo ... Ma il probabile non è certezza almeno per noi. E in base a questi convincimenti dei Giudici, hanno archiviato chi poteva e non ti ha soccorso ed è fuggito e altri, dall' incidente che con colpa hanno provocato, mandandoti  sotto una pietra tombale a soli 23 anni .. E pure su questi convincimenti, che chi passeggero  illeso e subito fuggito viene condannato per omissione di soccorso solo nei confronti della sua "amica" guidatrice, ma non nei tuoi confronti. Cioè. nello stesso incidente l'omissione di soccorso vale per l'altra persona, ma non per  te, dimenticando che l' atto di fuggire di costui  senza accertarsi ne soccorrerti o chiamare il 118 è già omissione di soccorso . Ne noi ne i nostri avvocati in questi 5 anni, mai  hanno voluto ascoltarci... Con molta amarezza possiamo dire: Giustizia non è stata fatta... Viva  l'Italia con le leggi che si possono interpretare come si vuole...... L'unico che ci ha dato conforto è stato il Presidente Mattarella, riscrivendoci per la seconda volta, l'ultima il Giorno 14 gennaio 2020 , ma il dettato costituzionale gli impedisce d' intervenire.... O il Papa che per ben 3 volte ci ha  risposto, con parole di molto conforto.. Ma per noi contro il probabilmente,  nulla  ci è stato  possibile....


Risposta n°53 

con   genitori il 21/12/2019 * 19:57

ARRIVATO IL SESTO NATALE SENZA TE.  MARCO

E PER NOI GENITORI  UN  ENNESIMO TRISTE NATALE...

Vivendo dei tuoi ricordi, ci viene in mente che..Fin da piccolo e a 9 mesi, già muovevi i primi passi e la tua prima parola fu "mamma", eri un  bimbo vispo, curioso che tutto volevi  toccare per capire e apprendere, quello che afferravi con le tue manine, lo osservavi e nei tuoi occhi vi era la meraviglia e felicità di bimbo, scoprivi, pian, piano il mondo che ti circondava, eri la gioia di mamma e papà... Con gli anni, le cose tecniche e scientifiche erano diventate il tuo pane, il tuo sorriso di buono e bravo ragazzo conquistava, eri l'orgoglio di papà e mamma  che con vanto, felici di avere un ragazzo semplice e con la testa sulle spalle. Quando ci presentasti la tua fidanzata, abbiamo percepito che avevi trovato quel qualcosa di completamento della tua vita e la gioia che emanavi , era diventata anche la nostra...Quel tragico 02 maggio 2014, tutto ti è stato tolto e spezzato, la tua giovane vita è stata azzerata, da due sciagurati, che fuggivano  terrorizzati perché  appena riscoperti della loro relazione travolgendoti e che tu niente avevi a che fare con questi e senza tue colpe, hai avuto la peggio e non hanno avuto pietà di te, della tua situazione, non ti hanno nemmeno soccorso lasciandoti li come un essere ripugnante. Chi aveva "scoperto" i due amanti è ancora uccel di bosco, (non ci è stato difficile, sapere dell'infamia e i suoi comportamenti, di quella terza auto).... Da allora  per noi genitori tutto è finito, impossibile  accettare le modalità di come ti hanno trattato e a noi é rimasto solo il ricordo del nostro bravo ragazzo pieno di attenzioni per papà e mamma e che mai più avremo .E'nei nostri sogni, ci resta solo l'illusione di sentirti ancora tra noi, come non te ne fossi mai andato.. Terribile é il risveglio che inevitabilmente ci riporta nella  nostra triste realtà. Tu non tornerai più, ti hanno messo sotto una pietra tombale, figlio...Fare giustizia con giudici in Italia è impossibile, trovano sempre mille cavilli, che alla fine gli illesi, fuggiti e rei, si salvano sempre dalla condanna, per noi invece è sicura  la condanna all'ergastolo del dolore a vita e senza  processi, ormai non ci resta che confidare nell' infallibile giustizia divina , salvo ripensamenti dei giudici che sempre attiveremo .....  Da qui, innalziamo un forte grido al cielo di perché... Perché...Marco a te, questo scempio??? E ancora perché non siamo morti noi al tuo posto, che di vita ne abbiamo già vissuta??? Sicuri è che questi due, la verità la conoscono  bene, sanno chi li ha inseguiti quella sera, ma si tacciono, compresi i loro congiunti...( E per convenienza fanno pure gli smemorati)..  Da quel brutto giorno, i due ci hanno caricato, di un indelebile dolore, che senza nostre colpe, è come un enorme macigno. Auguriamo che lo stesso macigno vi logori dentro e pesi mille volte e più nelle vostre coscienze e che quando guarderete negli occhi i vostri figli, non potete non vedere e ricordare quel ragazzo 23 enne che  con la vostra fuga e foga, avete mandato in una tomba, coetaneo dei vostri figli. Che si trovava li nel posto sbagliato e al  momento sbagliato.... Il tutto, se fosse successo a voi, con uno dei vostri figli, avremo proprio voluto vedere  se avevate ancora l'ardire di fare anche i "galletti nei tribunali" e riderci pure dietro... Vi ripetiamo non avete proprio nessuna vergogna!!!!!!! Dio forse vi perdonerà noi no, siete  troppo subdoli....


Risposta n°52 

con   genitori il 01/11/2019 * 12:03

Caro Marco

In questi giorni di ricordo e di preghiera per te e tutti i morti, il nostro cuore è ancora sanguinante di dolore nonostante siano passati 5 anni.  Un indelebile segno di sconforto e di incredulità  datoci da coloro che dopo l'incidente ti hanno lasciato morire peggio di un cane, senza prestarti alcun soccorso, un sottile dispiacere come una fitta e nera nebbia  ci trafigge. Ancor di più sapendo che chi ti ha fatto questo, è padre e madre di famiglia come noi e che i giudici erroneamente hanno archiviato le loro posizioni, adducendo che "saresti  probabilmente morto sul colpo"  e se uno muore sul colpo non ha necessità di alcun soccorso, nessuno però, ha la prova maestra della tua morte istantanea, noi dopo 8 ore dal fatto ti abbiamo trovato caldo e integro ... Non hanno disposto l'autopsia e ci negano pure la tua riesumazione per RM Total Body, per fare quella chiarezza che inutilmente chiediamo in tutti i processi da 5 anni, é intervenuto il Presidente Mattarella e pure il CSM, ma per i Giudici non basta.  Ci chiediamo pregando il Padre Eterno; perché Mio Dio,  Tu che sai e vedi tutti i destini degli uomini, hai permesso questa infamia a nostro figlio? Tu  Marco investito sulla tua strada e questi pretendono pure i "danni d'immagine " con risarcimenti da noi, perché i giornali hanno narrato le loro malefatte.  I giornali le informazioni se le sono cercate attraverso i giornalisti presenti nei processi penali,(e i processi penali sono pubblici) o dalle stesse sedi istituzionali, non da noi, che non sapevamo niente e che anche attraverso i loro scritti ci informavamo. Che spesso per  rabbia e sofferenza e procedure nei processi, poco capivamo .... Chiedendoci però, mille volte e più, se davvero esistessero  degli" umani" dai comportamenti così spregevoli...   Nei Tribunali ci è vietato parlare o chiedere spiegazioni ai Giudici, (vorrei a volte solo leggere al giudice i verbali dei carabinieri, niente ci è permesso), non impediscono però agli  avvocati di controparte di insultarci pesantemente, cosa dovremo  ancora sopportare  dopo la tua tragedia? .. Ci chiediamo spesso...Ma con un peso simile nella loro coscienza come possono ancora dormire  sonni tranquilli o guardare in faccia i loro figli coetanei al nostro??'

 I Giudici non ci ascoltano e ci danno l'impressione di stare in un immenso potere,  in un gradino sotto Dio... Spesso dimenticano di essere umani e che possono anche sbagliare...Così la Giustizia vera è Latitante, questo è un ulteriore specchio della deriva della stessa ....  


Risposta n°51 

con Umberto1960 il 20/09/2019 * 18:42

Conosco   il dolore che si ripresenta, ogni qualvolta si va in "quel luogo" e vorrei condividere questa breve poesia, con voi Genitori e parenti , amici di Marco. Un  grande abbraccio !Ogni volta che vengo da te, immagino cosa starai facendo in questo momento.

Poggio i miei fiori su un marmo gelido e sempre uguale.

Non sei lì, lo so.

Vengo in questo luogo perché riposa il tuo ultimo passaggio sulla terra.

Ma non sei lì.

Sei con me.

Lì ci sono solo delle date, ma la tua essenza è altrove.

C.G.

(Tratto da  " Le memorie di un arcobaleno )


Risposta n°50 

con   genitori_ il 15/07/2019 * 22:29

 

Ragazzo d'oro...

In qualsiasi difficoltà, o problema che ci si presentava in famiglia o nel suo lavoro o a noi si confidava e davanti alle difficoltà anche gravi, aveva una parola di conforto con noi Genitori se ci vedeva in difficoltà.( le parole che ci  risuonano in mente erano, papà mamma ci penso io nonostante avesse solo 23 anni dimostrava una maturità superiore e un attaccamento alla sua famiglia paterna...) Ora come possiamo noi, tacere di fronte alla sua orribile fine e davanti a una giustizia che è tutta a favore di chi delinque, basandosi su un principio antiquato del secolo scorso che dice... La pena deve essere proporzionata per l'imputato perché si redima e possa essere rimesso in società, senza tener conto minimamente che  per sua colpa nostro figlio è finito sotto una pietra tombale..  E' nemmeno nessuna considerazione vi é per i famigliari è per loro figlio che gli hanno ucciso e che in tutte le sedi chiedono Giustizia invano!!!!

Anzi più si insiste e più i Giudici si convincono che si vuole solo vendetta, anche se nel nostro caso sono passati 5 anni... ( logica e buon senso dice... Se si desidera vendetta, niente si chiede e non si lascia, passare un tempo così lungo e in tutte le sedi giudiziarie chiediamo, senza se o ma VERITA' E GIUSTIZIA per  Marco Rizzetto.... Qui dovrebbe meditare chi amministra la giustizia...Tutta propensa verso chi delinque....Ma mettetevi nei panni di chi ha perso un figlio in modo orribile.. E ti indagano pure per Stalking, ASSOLTO o altre nefandezze da chi ti ha ammazzato e ucciso il figlio che invece di scuse mai avvenute vogliono pure i risarcimenti... Ma che giustizia Italiana è questa Signori??? Meditate... Meditate...

Ultimo link di Marco Rizzetto:

https://www.youtube.com/watch?v=82fWLokSEqo