Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Opuscoli 13° volume 2012/2013: Alfonso Mannari
 
 
 
 

Opuscoli 13° volume 2012/2013: Alfonso Mannari

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Alfonso Mannari, Montecatini Val di Cecina (PI) - 18 febbraio 1924 – 27 ottobre 2008

Alfonso Mannari.jpgMio padre a causa di un incidente stradale, è morto sul colpo per le gravissime lesioni riportate e per il forte impatto . 

E' stato investito da un 'auto Panda, guidata da L. S.( classe 1923 ). 
Aveva 84 anni e quel giorno stava rientrando a piedi in paese, dopo aver fatto una passeggiata.
 
Era stata una bella e limpida giornata di inizio autunno, ora dell'incidente 17.00- 17,15 , il sole stava tramontando, l'ora solare era stata introdotta solo due giorni prima. 
Ciò è accaduto nel piccolo e tranquillo paese di Montecatini Val di Cecina in provincia di Pisa, sulla strada provinciale n° 32, a pochi metri dal cartello che segnala l'inizio del centro abitato. Sull'asfalto i carabinieri non hanno rinvenuto nessuna 
traccia di frenata. 
L'unico testimone che in quel momento, in auto, stava uscendo dal paese, ha fotografato la seguente scena: ha visto per primo mio padre,che camminava sul lato destro della strada, sul bordo e non spostato verso il centro, 
pochi istanti dopo ha incrociato l'auto Panda guidata da S. che si trovava in compagnia della moglie, subito è rimasto impressionato dall'eccessiva velocità e 
dalla guida spostata troppo a destra, dopo pochi secondi ha sentito un forte botto. 
 
Ho affrontato le pastoie e le lungaggini della giustizia italiana, sostenuta dai miei familiari e difesa dall' Avv. G.V. Il giudizio, con rito abbreviato è avvenuto l' 8/03/2012, ilTribunale di Pisa ha condannato S. a 1 anno e 4 mesi 
con le attenuanti. Nelle motivazioni, mio padre e stato riconosciuto imprudente, in quanto camminava sul lato destro della carreggiata, trasgredendo il codice stradale. 
 
Di quel tratto di strada, il lato destro per i pedoni che la percorrono, sia per entrare che per uscire dal paese è il più sicuro e spazioso in quanto adiacente ad una grande aiuola, questo purtroppo non è emerso nelle motivazioni. 
La mia famiglia ed io, avremmo piacere che il volto del babbo, fosse inserito e ricordato nei vostri archivi, insieme a quelli delle numerose vittime, di tutte l'età, 
che purtroppo come lui hanno perso la vita, causa il comportamento imprudente e irresponsabile, di chi guida ad eccessiva velocità, trasgredendo il codice e sentendosi "padrone" della strada. 
 
La figlia Anna



 

ãCopyright 2001/2013 tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus)

 


Data di creazione : 06/11/2013 * 23:32
Ultima modifica : 06/11/2013 * 23:35
Categoria : -
Pagina letta 9497 volte