Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1803 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :

Opuscoli 13° volume 2012: Carmen Di Guida

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Carmen Di Guida  15 anni ,  Aversa (CE) - 5 gennaio 2012

 Ciao, sono Carmen ho 15 anni e sono innamoratissima della vita.
Ma un brutto giorno, il 5 gennaio del 2012 tre balordi criminali hanno deciso di sostituirsi a Dio facendo in modo che questa mia breve vita, dovesse finire sull’asfalto di via Pastore in Aversa, lasciandomi a terra in un lago di sangue.
Perché tutto questo ?... Eppure tutti quelli che mi conoscono, molti in verità, dicono che sono una ragazza speciale, non so perché lo pensano. Forse perché ho sempre difeso i più deboli in tutti i modi e con tutta la mia esuberanza della mia giovane età. Inoltre ho sempre creduto nell’amicizia, che considero il più bel Valore in assoluto. Spesso accadeva che persone più grandi di me ,mi chiedevano consigli x i loro problemi , ed io felicissima di donare parole di conforto e suggerimenti vari. Una cosa che non ho mai sopportato è che qualcuno possa offendere persone con problemi fisici o psichici , molte volte questo mio atteggiamento mi è costato derisione e qualche volta sono stata anche malmenata .

Non sopporto l’ipocrisia ed è per questo che dico sempre quello che penso . A mamma spesso le chiedevo :perché non adotti un bambino down ? Sai loro hanno tanto bisogno di amore e affetto e non chiedono nulla in cambio . Penso che questa mia richiesta nasca dal desiderio di donare tutto il mio amore per le persone indifese e sofferenti . Da qualche settimana mi sono fidanzata con un ragazzo un po’ più grande di me. Gli voglio molto bene , anche se lui non me lo dimostra , a me non importa più di tanto , perché so che lui ha molto bisogno di amore e tenerezza a causa di continue sofferenze per una seria malattia , ed è per questo che sono molto felice di stargli vicino , aiutarlo .
Quel brutto giorno del 5 gennaio , mi trovavo in via Pastore per vedere il mio ragazzo, per parlare di come trascorrere il giorno seguente che sarebbe stata l’epifania . La mia colpa è stata quella di chiedere un passaggio col motorino ad un ragazzo che conoscevo solo di vista , non potevo sapere che lo stesso si sarebbe trasformato in uno dei miei assassini , lasciandomi li a terra senza soccorrermi , scappando via col motorino .
Quante bugie sono state dette sulla mia morte : hanno detto che ero io alla guida del motorino , non è vero , io stavo indietro , e lo hanno visto molte persone , il casco non lo portavo , perché non avevo ne motorino ne patentino , perché i miei non hanno mai voluto . Visto che non sono morta in un deserto , mi rivolgo a te che stai leggendo la mia vita , se hai visto l’incidente o sei al corrente di notizie importanti per quanto è accaduto :non essere vigliacco , testimonia la verità , solo cosi mi aiuterai a trovare pace e aiuterai mamma , papà , il mio adorato fratello Vincenzo e la mia amatissima sorella Annalisa a trovare la forza di andare avanti . Non essere complice dei miei assassini che hanno condannato la mia famiglia all’ergastolo del dolore . Prego tutti voi , affinché abbiate il coraggio di testimoniare la verità.



ãCopyright 2001/2012 tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 


 

Data di creazione : 27/07/2012 * 23:32
Ultima modifica : 27/07/2012 * 23:46
Categoria : -
Pagina letta 8093 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it