Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

GMR_ICON.pngGiornata del Ricordo
delle vittime della strada

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1823 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Copia il codice :
Ricerca personalizzata

Opuscoli 13° volume 2012: Elisa Apollonio

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Elisa Apollonio  19 anni  – Roma 30 luglio 1992 - 16 gennaio 2012

" Elisa  frequenta il primo anno di scienze geografiche, si è  diplomata al liceo scientifico e ha scelto questa facoltà perchè la geografia e i viaggi sono  sempre stati la sua passione, vuole fare la cartografa. Elisa ha tanti amici simpatici  che le vogliono bene, passa molto tempo con loro e con loro divide molte cose: risate e campeggi, tuffi in mare e gite in campagna, viaggi in treno  e notti in bianco… si diverte molto. Da poco più di un anno ha anche l'amore di un ragazzo che le piace tanto: Giacomo. Giacomo ha la sua stessa età, è bello, bravo, educato, gentile, innamorato e canta in un gruppo. È  perfino prudente alla guida..".
E’ troppo perfetto"  le dicevamo scherzando io e Noemi.. Elisa ha tutto quello che si può desiderare: amicizia, amore, ha l'affetto incondizionato mio, del papà, dei nonni e della sorella Noemi che adora, ha  bellezza, intelligenza,  sensibilità,  tenacia,  caparbietà, entusiasmo e precisione, ha anche un grande amore per l'ambiente, per la natura e per gli animali, è da poco diventata vegetariana come me, ed è contentissima della sua scelta..ha tanti interessi, sa suonare la chitarra, sa parlare benissimo  l'inglese, sa nuotare, pattinare, sciare, guidare... il suo paradiso è qui.
Ma un  giorno, un lunedì come tanti altri, una mattina di una fredda giornata di sole, Elisa va all'università, ha un esame, il suo secondo esame. Doveva andare in metro, così mi aveva detto. La chiamo alle 9.30  "dove sei? ti sei svegliata? stai andando?"   "Si sì mamma non preoccuparti sto andando, ma non vado in metro mi accompagna Giacomo con lo scooter così facciamo prima. Ciao ciao “
L'ultima volta che sento la sua voce... dopo un paio di ore, nella scuola dove lavoro vedo arrivare i vigili con mio marito che mi cercano,  in un attimo tutto intorno a me crolla... non capisco più niente,  sono di pietra, vedo visi che piangono, che mi fanno no con la testa, che  mi dicono mi dispiace....  non ricordo più niente... e poi... vedo Elisa, è dietro un vetro, su una barella, è coperta da un lenzuolo fino al collo, ha  il casco in testa ancora allacciato, il casco è spaccato sulla sommità... lei dorme, ha il viso sporco di sangue, ma  lei dorme... è serena...ma capisco che lei non è più lì, lì c'è solo il suo corpo... ma lei  dov'è allora????? Io  voglio solo andare da lei!!!

Giacomo ha poi raccontato di essere stato accecato dal sole e di aver urtato contro il guard rail di sinistra della tangenziale (messo lì provvisoriamente per lavori in corso), e di essersi  ritrovato dall'altra parte della strada senza neanche un graffio. Elisa invece è sbalzata dalla moto, sbattendo la testa contro un palo di un cartello stradale ormai in disuso...
Erano le 9.45, 15 minuti dopo la mia chiamata.
Elisa era adagiata sull'aiuola che divide i due sensi di marcia, i suoi occhi erano fissi,  Giacomo dice di aver sentito la sua mano che stringeva la sua, ma no, non è possibile, quelli erano solo spasmi, perché Elisa non si è accorta di niente (voglio sperare sia così). Lei ha chiuso gli occhi, all'improvviso e si è addormentata, proprio  mentre era felice e innamorata, mentre con l'entusiasmo dei vent'anni andava incontro alla vita... e proprio così, bella e sorridente come sei, ti  ricorderemo per sempre amore mio..."

 

ãCopyright 2001/2012 tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus)

 


Data di creazione : 05/05/2012 * 00:14
Categoria : -
Pagina letta 14498 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it