Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Opuscoli 7° volume 2006: Vincenzo Pane
 
 
 
 

Opuscoli 7° volume 2006: Vincenzo Pane

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Vincenzo Pane 43 anni Napoli      3 aprile 1963  -  1 giugno 2006

Vincenzo Pane Enzo Pane è un ragazzo allegro e disponibile con tutti, un giovane alto quasi due metri che noi affettuosamente chiamiamo “Enzuccio”, con i suoi scherzi trascina tutti nell’allegria e tutti gli vogliamo bene.
Tra i tanti nipoti, lui è quello che si fa notare di più, è alto e grosso come un armadio, giocherellone e sempre pronto a rallegrare tutti con la sua armonia.
E’ vero, spesso si sente dire che Dio a volte, affacciandosi sui giardini della terra, coglie i fiori più belli per portarseli via, da quel momento, quando sei andato in paradiso, anche un pezzo della nostra vita ti ha seguito.
Il 1 giugno 2006 alle ore 13.04 sulla tangenziale di Napoli un destino crudele ti ha strappato via da tutti noi lasciando un vuoto incolmabile, da quel giorno il dolore per la tua perdita non ci abbandona mai e anche se abbiamo la certezza che ti trovi in un mondo migliore, ci manchi tantissimo, il tuo sorriso rimarrà sempre nei nostri cuori.
Come è possibile? Come è potuto accadere? Come si può accettare? Come, la mamma, il papà, la sorella, la moglie, i figli, tutti noi familiari, possiamo vivere.
Come ci rassegneremo… ecco perché parliamo di te al presente, pensando che tu sia e rimarrai sempre ancora qui tra noi.
Parlate di te, Enzuccio, attraverso poche righe è impossibile, la tua vita purtroppo è stata troppo breve, hai lasciato tanti bei ricordi, morire così giovane significa lasciare un vuoto incolmabile, una ferita che né il tempo né gli avvenimenti potranno mai rimarginare!
E tu Enzuccio hai lasciato un vuoto terribile nel cuore dei tuoi genitori che inconsolabili ti cercano sempre.
In tutti noi si è spezzato qualcosa, ma sappiamo che tu ci sarai sempre vicino.
Guardando il cielo abbiamo scelto una STELLA, la più bella, la più grande, la più splendente quella sei tu ENZUCCIO, che illumina e guida la vita dei tuoi bambini e dei tuoi cari.
CIAO ENZUCCIO…… ORA SEI UNA STELLA……IL CIELO E’ LA TUA CASA……


zio Valter


Data di creazione : 05/08/2006 * 11:02
Ultima modifica : 17/09/2006 * 12:34
Categoria : -
Pagina letta 19104 volte