Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
Siete qui :   Home » Opuscoli 7° volume 2006: Daniele Biasco
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...

Opuscoli 7° volume 2006: Daniele Biasco

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Daniele Biasco 22 anni Matino (LECCE) 14 ottobre 1983 - 25 marzo 2006

Mio caro e dolce Daniele, eri un Angelo sulla terra, strappato via da quella che era la tua più grande passione:” la Moto!”.
Tenerti in grembo è stata una gioia immensa, e farti nascere molto difficoltoso, perché nonostante avessi avuto già due gravidanze, con te è stato come se fosse la prima volta. Avevo un pancione enorme, tutti pensavano infatti che ero in attesa di due gemelli, invece eri solo tu; sei nato che pesavi      4, 960 kg ed eri lungo 56 cm. Nel nido tutti pensavano che tu avessi un anno, invece eri appena venuto al mondo.
Già da piccolo eri un bambino vivace, generoso, intelligente, dolce e sensibile.


Avevi i capelli ricci color oro, ed in ogni momento della giornata, ti divertivi a giocare con i capelli e mi piaceva guardarti mentre li arrotolavi. Non riuscivi a stare fermo, dovevi sempre fare qualcosa. Qualche volta è capitato che mi scappavi di mano: come quella volta con il girello, quando sei riuscito ad aprire la porta d’ingresso e volevi scendere le scale, oppure quando mi sei scappato di mano e sei andato a finire contro una macchina che stava passando. Accanto a te avevi un angelo che ti ha protetto, perché in quelle occasioni ne sei uscito illeso.


La scuola non ti piaceva molto e dicevi che da grande volevi lavorare, infatti tutti ti stimano perché eri un grande lavoratore. Eri un ragazzo solare e quando entravi in casa la riempivi con la tua solarità ed allegria. Eri generoso ed aiutavi tutti, anche economicamente privandotene tu; a volte andavi in giro senza soldi perché avevi aiutato qualche amico, ma a me non chiedevi niente per non dar fastidio.


Amavi gli animali, infatti avevamo due cani: Rinti un pastore tedesco e Rocky un volpino, molte volte quando stavamo a tavola per pranzare, dicevi che non avevi fame perché volevi portare ai cani cose buone da mangiare, in quanto dicevi a tutti che cucinavo “squisito”.
Eri tutto precisino, amavi la natura, non gettavi nemmeno una carta per terra e se c’era un uccellino o un riccio per strada, ti fermavi per non prenderlo sotto con la macchina.


Avevi una passione per la moto e nonostante io ed il tuo papà non eravamo d’accordo l’hai comprata con i tuoi risparmi. Hai fatto tutto da solo e sei stato bravo a non farci capire niente. Un giorno, eri in cameretta con tuo fratello Marco e parlavate sottovoce, quando sono entrata io, avete interrotto il discorso, così vi ho chiesto di cosa stavate parlando, e tu mi hai sorriso cambiando argomento. Avevo capito che l’avevi comprata e tu gioia mia, me lo hai confermato rassicurandomi e promettendomi che saresti andato piano. Sapevo che ci tenevi molto a me e che non mi avresti dato dispiaceri.
Eri la perfezione in persona, proprio un gioiello di figlio che mi è stato strappato quel maledetto 25 Marzo 2006. Quel sabato stavi  tranquillamente a casa quando ti hanno chiamato per uscire; sei venuto da me dicendomi:“MAMMA STO’ USCENDO, TI SERVE NIENTE?”; mentre stavi aprendo la porta per uscire, sei tornato indietro dicendomi: “MAMMA SE TUONA MI STACCHI IL COMPUTER PER FAVORE?” io gli ho risposto di non preoccuparsi che ci avrei pensato io e lui con quella voce dolce mi ha detto:” GRAZIE MAMMA!” Ed io a lui “PREGO AMORE MIO”.


Non immaginavo che queste sarebbero state le ultime parole che avrei sentito dalla tua splendida voce, perché se avessi saputo cosa mi riservava il destino, non ti avrei lasciato uscire da casa, avrei cercato di proteggerti in ogni modo possibile. Dopo che sei andato via ho iniziato ad agitarmi, mi sentivo strana ed ero molto nervosa; forse perché nel mio cuore, l’ istinto materno, sapevo che ti stava accadendo qualcosa di terribile.


Ti hanno lasciato li per terra tanto tempo, sino a quando il tuo papà è dovuto venire per fare il riconoscimento, e lui che non sapeva niente della moto aveva la speranza che il ragazzo dell’incidente non fossi tu, ma quando ti ha visto gli si è spezzato qualcosa dentro. Gli stessi amici che ti avevano chiamato per uscire, non ti conoscevano più. Dopo tre ore dal terribile incidente ho ricevuto la notizia dell’accaduto e in quel momento mi è crollato il mondo addosso e anch’io sono morta con te.
Non c’è cosa peggiore per una mamma vedere il proprio figlio uscire da casa con le sue gambe e vederselo riportare in una bara. Mi mancava il respiro vederti li dentro, ma tu eri bellissimo sembrava che stessi dormendo. Sono stata accanto a te e non ti ho lasciato nemmeno per un istante, ti accarezzavo il viso ma tu eri immobile.


Quanti amici avevi Daniele, sia tuoi coetanei, che persone più adulte e tutti ti volevano bene, per te si udivano solo parole di affetto e di ammirazione; nei loro occhi c’era la disperazione perché avevano perso un grande amico speciale, come solo tu sapevi essere.
Volevo che il tempo rimanesse fermo perché non volevo separarmi da te, invece passava veloce. Quando ti hanno portato al cimitero non volevo andare via, non volevo lasciarti solo, volevo starti vicino ma mi hanno dovuto portare via con la forza.
Figlio mio mi manchi tanto e non riesco a farmene una ragione. A casa tutto mi parla di te, in camera tua non oso toccare nulla, è rimasto tutto come l’hai lasciata tu.


Sapevo che eri un ragazzo maturo con tante qualità, ma non che eri anche un poeta; il tuo diario ha svelato i tuoi segreti e leggere le poesie che hai scritto mi fanno illudere che sei ancora vicino a me. Ho perso la mia spalla forte, ho perso il mio gioiello, ho perso te Daniele; la vita non ha più senso, mi sento morta e mi manca il respiro quando perso a te, perché so che non ci sei più a riempire il vuoto che si è creato intorno a me.


Vorrei gridare, ti chiamo ma tu non mi rispondi. Vorrei tornare indietro, vorrei che tutto tornasse com’era prima. Mi manchi da morire amore mio, come farò senza di te, anzi come faremo io, il tuo papà, tua sorella Sandra e tuo fratello Marco ad andare avanti. Solo tu Daniele puoi darci la forza per superare tutto ciò. Vita mia, cuore mio, eri di una dolcezza unica, solare, giocherellone e sempre a disposizione di tutti.

Ti ho perso in un incidente dalle circostanze misteriose, ma spero di ottenere giustizia per questo fiore spezzato prematuramente.

Ti voglio bene Daniele, con immenso amore dalla Tua Mamma Rocchetta. 


Abbraccio tutte le Mamme che hanno vissuto sulla propria pelle, cosa vuol dire perdere un figlio.


Data di creazione : 20/05/2006 * 01:17
Ultima modifica : 31/12/2008 * 14:13
Categoria : -
Pagina letta 43164 volte


Commenti a questo articolo


Risposta n°61 

con   BSandy74 il 23/07/2008 * 19:41

Ciao Dani , mi manchi tantissimo .

Oggi casualmente ho preso una videocassetta senza etichetta ,

 quando l'ho messa nel video per vedere di cosa fosse

ho sentito un dolore forte nello stomaco

come se mi avessero tirato un pugno con una forza mostruosa :

era la videocassetta col tg e gli articoli di giornale del tuo incidente ,

 sono stata malissimo.

In quel momento ho dovuto fare i conti con una realta'

che cerco di sopprimere da quel maledetto 25 Marzo 2006.

Ti voglio un mondo di bene fratellino , veglia sul mio piccolo Luca.

Kiss by Sandy k.


Risposta n°60 

con   DA il 26/03/2008 * 17:06

caro daniele, ho la possibilità di scriverti un pensiero solo oggi, ma so che fa lo stesso.

è difficile vivere ed andare avanti senza voi accanto a noi, tanto...

so che lì sei felice e che guardi la tua famiglia e chi ti ha voluto ti vuole ancora bene ogni secondo..questo aiuta a sentirti più vicino a loro.

eri speciale e continui ad asserlo, anche se in modo diverso.

un pensiero con affetto forte e sentito.

daniela


Risposta n°59 

con   BSandy74 il 25/03/2008 * 16:03
Mio dolce Daniele sono trascorsi due anni dalla tua scomparsa , il tempo è volato , è passato così in fretta , che mi è sembrato di vivere un incubo come se mi fossi addormentata e al mio risveglio intrappolata in una realtà che non mi appartiene perché tu non ci sei più .
Vado alla ricerca dei ricordi di tutte le cose che abbiamo fatto insieme , però Daniele tutto questo non mi basta più , mi manchi tanto , mi manca la tua presenza , mi manca il tuo sorriso , mi manca la tua allegria , mi manca la tua solarità e soprattutto la tua sincerità . Dalla tua scomparsa tante cose sono accadute in questi due anni ed ho imparato a conoscere le persone e la cattiveria che usano nel nostro dolore .
Daniele io ho sempre saputo che tu insieme a Sandra e Marco siete la cosa più importante e più bella al mondo per me , come diamanti preziosi e non serve perdere un figlio per capire l’importanza della vita . Io mi chiedo sempre perché proprio tu , perché il mio adorato Daniele ?
Il nostro percorso di strada insieme è durata troppo poco , avevamo tanti progetti insieme , sogni che tu avevi e si sono spezzati quel tragico 25 Marzo 2006 ; nulla è come prima ed è molto difficile andare avanti senza te .
Daniele ti sei portato via una parte di me……….
Dicono che il tempo cura le ferite ma non è vero , anche se sono passati due anni per me e’ come se fosse il primo giorno , sicuramente questo detto vale per chi non è colpito direttamente , ma per una mamma che ha perso un figlio speciale come te , non è così ; è qualcosa di terribilmente atroce , una tortura per il corpo e per l’anima .
Ricordo l’ultimo mese che abbiamo trascorso prima di quel tragico giorno , l’8 Marzo la festa della Donna e il 15 Marzo , il giorno del mio compleanno , siamo stati tutto il giorno insieme poi mi hai fatto la sorpresa della torta eravamo felici , poi il 25 Marzo è stato la fine di tutto .
Angelo mio mi piace pensare che ci sia un’altra vita all’al di là……..
Dani il 21 Maggio 2007 è morto il nonno , spero che vi siete incontrati e che il nonno vegli su di te e sul piccolo Luca e che vi protegga sempre ; io non posso fare niente oltre che pregare per voi .
T’immagino in Paradiso con tutti gli angeli come lo eri tu già sulla terra e quando sarà il mio momento non vedo l’ora di abbracciarti forte e parlare con te come facevamo prima .
Mi manchi Daniele , sei tutta la mia vita e ti voglio bene ; stammi vicino specialmente nei giorni più tristi .
Daniele sei speciale per me , ti bacio con affetto e con tutto il mio amore di mamma .

Risposta n°58 

con   Biby il 25/03/2008 * 13:14

In questa giornata così dolorosa e piena di ricordi vi sono vicina con tutto l'amore che posso trasmettervi...Vi abbraccio forte forte..Biby


Risposta n°57 

con   Francesca il 25/03/2008 * 12:13

"Non posso essere sola

mi viene a visitare

una schiera di ospiti,

non sono registrati

non usano la chiave,

non han nè vesti nè nomi,

nè climi, nè almanacchi,

proprio come gli gnomi,

messaggeri interiori

ne annunciano l' arrivo

invece la partenza

non è annunciata, infatti

non sono mai partiti".

(Emily Dickinson)


Risposta n°56 

con   BSandy74 il 25/03/2008 * 10:11
Mio adorato fratellino ,
eri un ragazzo Speciale , ora sei un Angelo meraviglioso .
Illumini le nostre giornate , le nostre vite ma nel nostro cuore c’è una parte buia che si è spenta il 25 Marzo 2006 ; da quel giorno le nostre vite sono cambiate per sempre , ci manca quella luce che illuminava i nostri cuori , quella luce sei tu Daniele .
Ho dato vita a questo spazio perché volevo dare a tutti la possibilità di conoscerti e dai commenti che lasciano , ho capito che ora da lassù riesci a lasciare un segno positivo in tutti i loro cuori ; come quel segno che lasciavi in tutte le persone che incrociavano il tuo sguardo quand’eri in vita .
Ci manchi tantissimo , ma questo già lo sai ; ti chiedo di darci la forza per far passare i giorni che verranno affinché possiamo andare avanti senza te .
Quando la mattina sorge il sole , accompagnaci durante la giornata con segni continui della tua presenza accanto a noi ; schiarisci le nuvole che con il maltempo oscurano il giorno ; quando il sole tramonta e fa spazio alla luna e alle stelle , vieni nei nostri sogni………..
Solo così possiamo continuare ad andare avanti .
Vorrei abbracciarti forte forte , ma la distanza tra noi e’ infinita , ti mando un maxi bacio volante così sono sicura che ti arriverà .
Ora che sei in Paradiso , dai al mio piccolo Luca tutto l’amore che hai nel cuore , te lo affido fratellino , perché so che nelle tue mani e’ al sicuro .
Ti voglio un mondo di bene , con immenso amore da Sandra .

Risposta n°55 

con   BSandy74 il 10/02/2008 * 12:16

Questa notte é stata insonne per noi , senza un motivo ; così alle 5:00 eravamo sul posto dell’incidente io , Gigi e Stella.

Era buio , ma non dove c’era la tua foto .

I tuoi bellissimi occhi nella foto emanavano luce, la tua solarità é ancora presente in mezzo a noi .

Tutto é tornato come prima dell’incidente , dopo quasi due anni hanno messo lo STOP che tu nell’impatto avevi buttato per terra .

E’ come se nulla fosse accaduto .

Quando siamo andati via era come se fossimo andati a trovare qualcun’altro , perché per noi é come se tu fossi partito per un lungo viaggio , ma é solo una nostra illusione .

Ci manchi tantissimo Daniele , il vuoto che hai lasciato nei nostri cuori e’ incolmabile……….ti vogliamo qui tra noi fisicamente anche se la tua anima non ci ha mai lasciato , ma e’ solo un utopia .

Risposta n°54 

con   cristina il 21/01/2008 * 01:26

caro daniele anche se non ti ho conosciuto so che eri una persona speciale anzi splendida in tutto, ora sei un'angelo propio come mio fratello roberto(opusc 9).sono tanto vicina alla tua famiglia che ogni giorno che va e sempre peggio che soffre tanto perchè tu li manchi in tutto   andare avanti speri sempre che il tutto sia solo un sogno brutto dove potersi svegliare essere convinti che sia solo un sogno .

vi do un grosso abbraccio vostro figlio è un'angelo bellissimo