Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1812 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Copia il codice :

Opuscoli 10° volume 2009: Lucio Smaldone

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Lucio Smaldone, 22 anni -  Caserta - 13 maggio 1983  –  28 agosto 2005

Lucio Smaldone.jpgMi chiamo Angela,il mio unico figlio Lucio Smaldone nato a caserta il 13 maggio 1983 e morto il 28/08/2005,a 22 anni, sull'autostrada, quasi all'uscita di caserta nord, tornava dal lavoro dall'autogrill di Teano-est. e' uscito di strada,non si sa il motivo, puo' essere accaduto di tutto. la cosa importante e’ che mio figlio e' andato a sbattere frontalmente contro un finale di guardrail a protezione di un pozzetto,che quasi certamente era gia' incidentato; il p.m. di turno quel giorno, non l'ha sequestrato e tantomeno si e' recato sul posto,pero’ ha sequestrato l’auto di mio figlio con un fax. mio figlio ha percorso circa un 50 metri, in una zona senza guardrail, prima di andare a sbattere. se ci fosse stato 'prima' il guardrail, forse si sarebbe ferito, ma non sarebbe morto,perche' cosi' e' andato diritto contro l'altro guardrail presente, che lo ha ucciso. c'e' un processo in corso presso il tribunale di s. maria capua vetere, perche' noi genitori abbiamo presentato una memoria contro l’archiviazione del caso,come voleva il primo p.m.,pero’ il g.i.p. ha chiesto nuove indagini,ritenendo che nulla era stato fatto prima. ovviamente,era trascorso quasi un anno e il guardrail incidentato non c'era piu',e non si e' potuto sequestrarlo. il secondo p.m. ha nominato un perito del tribunale, che dopo un anno ha evidenziato che il nuovo guardrail non era omologato a norma di legge e mancavano parecchi bulloni nelle staffe di sostegno del guardrail stesso.  il g.i.p. su richiesta del nuovo p.m., ha rinviato a giudizio due dipendenti della societa' autostrade per omicidio colposo. siamo quasi alla quinta udienza e sono trascorsi 4 anni,ed il giudice monocratico dott.ssa casella,ha ritenuto che tre perizie,quella del p.m. la nostra come parte civile e quella dei due indagati,non fossero sufficienti a chiarire le cause della morte di mio figlio,per cui ha nominato un suo perito del tribunale,per accertare con nuove perizie le responsabilita’. entro il 09/02/2010 deve consegnare la perizia,e poi il 17/02/2010 e’ fissata l’udienza. noi chiediamo giustizia perche’ qualcuno lo ha “ucciso” e perche’ non ci siano altre vittime. noi genitori ci chiediamo,perche' si parla cosi' poco della sicurezza delle nostre autostrade? le vittime non sono causate solo dagli automobilisti,se c'e' incuria ed omissione di innovazione, di manutenzione e di adeguamento per le protezioni, perche' non viene detto? l’autostrada non e’ percorsa solo dai giovani che bevono o da quelli che si drogano;sull’autostrada transitano per lavoro milioni di persone che hanno il diritto di chiedere che ci sia piu’ attenzione sulla sicurezza delle strade che si percorrono. l’autostrada italiana e’ pericolosa,inadeguata ai tempi odierni. e’ inutile che sui cartelli lampeggi la scritta sono morti tot persone vai adagio,non bere,sii prudente,ma “loro” quelli dell’autostrada cosa fanno per la sicurezza? purtroppo quando si tocca il portafoglio delle grandi multinazionali c’e’ sempre uno strano silenzio,nessuno ne parla.

 


Data di creazione : 24/12/2009 * 00:03
Ultima modifica : 28/12/2009 * 15:36
Categoria : -
Pagina letta 31244 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it