GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada.......

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1800 utenti
Connessi :
( nessuno )
Snif !!!
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Michael Mantega  17 anni Firenze 27 ottobre 1987 - 13 maggio 2005

Michael MantegaCaro Michael:
Sono una madre disperata che ha perso l'unica ragione della sua vita,il mio adorato figlio; avevi solo 17 anni,quando undici mesi fa mi hai lasciata per sempre per volere di un destino crudele e da allora la mia vita è cambiata, sono come una nave che va alla deriva,niente ha più un senso per me.
Mi sono sposata giovane,avevo appena 20 anni e a 24 avevo già tre splendidi figli:un maschio... tu,Michael e due femmine,Sharon e Jennifer.
La vita fin da piccola è stata cattiva con me,ma la speranza di un futuro migliore mi ha dato la forza per andare avanti e lottare contro tutti gli ostacoli e quando finalmente ho avuto i miei bambini,credevo di essere stata ricompensata per le mie sofferenze e invece il destino si è accanito contro me,togliendomi ciò che di più bello avevo.
Fin da piccola ho desiderato di avere una bella famiglia;ti ho cercato molto piccolo mio...e quando pensavo di non poter provare la gioia di diventare madre,sei arrivo tu,mio amato Michael e da quel momento sono diventata la donna più felice del mondo,ho provato una gioia immensa nel vederti e stringerti tra le mie braccia,poi questa gioia si è triplicata,perché subito dopo sono arrivate le tue sorelline e non potevo chiedere altro dalla vita perché avevo il mondo nelle mie mani.
Fin da piccolo sei stato un bimbo pieno di vita,bello come il sole,con due occhini blu,due labbra carnose,un sorriso splendente,un viso d' angelo,eri allegro,simpatico,intelligente,dolce e sensibile.
Avevi una carica vitale addosso che trasmettevi anche agli altri,piaceva a tutti stare in tua compagnia,avevi un sacco di amici.
Eri forte come una roccia,anche quando stavi male e questo accadeva spesso perché soffrivi d'asma,sei stato tante volte in ospedale,ma tu non ti buttavi mai giù,non ti riusciva stare a letto neanche quando avevi la febbre alta,quando avevi le crisi respiratorie o quando sei stato morso da un cane nel viso e ti misero 46 punti.
Ti piaceva molto lo sport,da piccolo hai fatto karatè e hai giocato a calcio per molti anni ed eri molto bravo,la tua squadra del cuore era il milan e adesso continuerò io a tifare al posto tuo.
Non ti è mai piaciuto andare a scuola perché non potevi stare seduto per ore,avevi bisogno di muoverti,per questo a 16 anni sei andato a lavorare.
Ti piaceva molto il tuo lavoro,sembravi nato per fare il parrucchiere,il tuo sogno aprirti un negozio tutto tuo e per questo andavi anche a scuola,la dove seguivi un corso che ti lasciava un attestato.
Da piccolo volevi fare il meccanico,infatti smontavi i giochi e poi li rimontavi,poi hai incominciato con la tua bicicletta e infine con il motorino ed eri anche bravo ad accomodarli e per questo decidesti di fare la scuola per meccanico di auto,ma tu avevi voglia di lavorare e quando ti capitò l'occasione di fare il parrucchiere,accettasti, svolgevi con piacere il tuo lavoro e anche in quel negozio hai portato la tua allegria,eri la mascotte.
I nostri sogni si stavano realizzando: anche io avevo trovato un lavoro stabile,dopo anni di lavori saltuari,è stata veramente dura tirare su una famiglia senza una sicurezza economica e da sola.
Ho cercato con tutte le mie forze di non farvi mai mancare niente,da quando io e il tuo papà ci siamo separati,eri tu l'uomo di casa,mi davi forza,coraggio e consigli,senza di te non ce l'avrei fatta.
Finalmente sembrava che nella mia vita ci fosse un po' di serenità,non ci mancava niente,noi avevamo i nostri lavori,le tue sorelle andavano a scuola,ma quel maledetto giorno,il 12 Gennaio 2005,mi sentivo strana e quando ci salutammo,non avrei mai immaginato che quella sarebbe stata l'ultima volta che mi chiamavi "mamma".
Quando ebbi la notizia dell' incidente,non pensavo fossi così grave,ma quando arrivai al pronto soccorso capii e in quel momento mi crollò il mondo addosso,non potevo credere a una simile  tragedia,non volevo perderti e pregavo con tutta la mia forza in un miracolo,speravo con tutto il mio cuore che ti saresti salvato. Le tue sorelle sono svenute un paio di volte per la paura di perderti ed io dovevo essere forte per aiutarle,ma non è stato facile,perché dentro mi sentivo morire.
I primi giorni sono stati terribili perché non sapevamo se potevi farcela,per due giorni hai subito vari interventi;uno allo stomaco perché ti era scoppiato,uno al femore e due in testa,il tuo cervello era ridotto male,avevi molte lesioni gravi in tutto il corpo,ti hanno ingessato gambe e braccia,avevi drenaggi ai polmoni,ai reni,al cervello e all' addome,non avevi
una parte del corpo sana e con una possibilità di sopravvivenza del 9,8% ,la tua vita era davvero appesa a un filo molto sottile.
Ma tu come sempre,con la tua forza hai lottato per sopravvivere e giorno dopo giorno si notavano dei piccoli miglioramenti e quindi dentro di me cresceva la speranza che ti saresti svegliato dal coma,ma non è stato così,perché il destino si è accanito ancora di più,prendevi un infezione dietro l'altra: polmoniti,tubercolosi,setticemia ecc ecc.
Ma tu continuavi a lottare con tutta la tua forza perché volevi vivere.
Ti sono stata vicina notte e giorno per 4 mesi,tanto è durata questa agonia,perché vedevo che percepivi il dolore,che ti rendevi conto in qualche modo del tuo stato,che mi riconoscevi,ma non vedevi,non parlavi,muovevi le mani e le. gambe,aprivi gli occhi e li chiudevi quando dormivi,sbadigliavi e piangevi.
Ogni piccolo tuo gesto era una gioia grande per me,erano tutti segni positivi,ma quelle infezioni maledette hanno aggravato il tuo stato fino a quando il tuo corpo,non ce l'ha fatta più e il tuo cuore da leone ha ceduto.
Ho visto consumarti giorno dopo giorno,soprattutto l'ultima settimana quando sei peggiorato e ormai non c'era più niente da fare.
Oh quanto soffrivi piccolo mio,ti sedavano,ma tu sentivi e per me è stato straziante vederti così e non poter far niente.
Avrei voluto donarti i miei organi e la mia vita pur di salvarti,ma non è stato possibile,ma ti ho dato il mio infinito amore e spero che tu l'abbia sentito.
Ero accanto a te,ti accarezzavo,ti baciavo e ti sussurravo il mio amore,quando chiudesti gli occhi per sempre e quella immagine non la scorderò mai!!!
In quei mesi mi hai trasmesso la tua forza che mi ha aiutata ad andare avanti,per te che avevi bisogno di me e per le tue sorelle,che si sentano perse,senza il loro adorato fratello.
Mi è impossibile cancellare ciò che ho vissuto,perché  fino  a quel momento solo nei film avevo visto cose del genere,ma adesso l'ho provato sulla mia pelle ed è un esperienza orribile.
Non so come ho fatto a sopportare tutto ciò e a continuare a vivere con questo dolore forte dentro che mi spezza il cuore e mi soffoca fino a farmi mancare l'aria.
Il 3 Maggio 2005,io sono morta con te,si perché questa vita non mi appartiene più,a.,volte mi sento come fossi una morta vivente,che sopravvive per dovere,aspettando il giorno che potrò finalmente raggiungerti per abbracciarti.
Questa casa è così vuota e silenziosa senza te,la tua camerina è così come l'hai lasciata tu,ma priva di calore,ormai è una stanza piena di ricordi che mi spezzano il cuore.
Ancora oggi,a distanza di mesi mi chiedo perché?non posso credere che tu non ci sia più!come farò ad andare avanti?aiutami,amore della mamma,perché non ho più la forza.

Se guardo nel cielo, vedo il tuo volto,se guardo le stelle vedo i tuoi occhi,se guardo il sole vedo i tuo sorriso,se guardo la pioggia vedo le tue lacrime,se vedo il mare,vedo il tuo amore,se ascolto il vento sento le tue carezze,se ascolto gli uccellini sento la tua voce,se annuso una rosa,sento il tuo profumo,se chiudo gli occhi,sei qui con me.
Odio il destino che ti ha strappato a me,che ha permesso che una macchina ti venisse addosso e che tu soffrissi molto prima di morire.
Odio il destino che mi ha resa madre e poi si è beffato di me,togliendomi mio figlio!
Odio la vita che mi ha presa in giro,prima mi ha resa felice e poi mi ha fatta soffrire così tanto.
Rivoglio la mia vita: la mia felicità,rivoglio mio figlio!quando penso alla mia vita di prima,mi sembra di rivederla come in un film,con la differenza che prima ero la protagonista,adesso sono la spettatrice,perché ciò che è proiettato nello schermo non mi appartiene più.
Vorrei avere la macchina del tempo per tornare indietro,abbracciarti e non lasciarti mai più.
Ti cerco sempre tra la gente,con la speranza di poterti incontrare prima o poi,in ogni ragazzo cerco il tuo viso,e spero di poter sentire la tua voce,ma so che è impossibile.
Non avrò mai la gioia di vederti diventare uomo,di realizzare i tuoi sogni,di formarti una famiglia e di avere dei nipotini da parte tua,la tua immagine si è fermata a un ragazzo stupendo nel fiore della vita e per me rimarrai sempre il mio piccolo angelo che ha interrotto la sua vita sulla terra troppo presto.
Le parole non bastano per descrivere una vita passata felicemente con te ne per descrivere il dolore.
Povere madri che come me soffrono perché hanno perso i loro figli,poveri figli che hanno perso la vita.
Mamme care,uniamoci nel dolore e preghiamo per i nostri figli;piccoli angeli nel cielo pregate per noi e dateci la forza per sopportare questo dolore.
Un abbraccio pieno d'affetto a tutte le mamme che soffrono,con la speranza che un giorno potremmo essere di nuovo felici accanto ai nostri cari.

PER SEMPRE NEL CUORE DELLA TUA MAMMA TI AMO MICHAEL. . .


Data di creazione : 22/04/2006 * 16:37
Ultima modifica : 22/04/2006 * 17:07
Categoria : -
Pagina letta 1135 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°38 

con Antonio il 21/11/2012 * 16:21
Leggere questa pagina della mamma di Michael mi ha veramente spezzato il cuore. Anche se non ti conoscevo il destino ha voluto che quella sera sia stato testimone di questo terribile incidente e tutte le volte che passo da quel semaforo mi tornano in mente le immagini di quella sera come se fosse ieri, il rumore dello schianto, i corpi di quei due poveri ragazzi per terra, l'ambulanza, il babbo di Michael che arrivò sul luogo dell'incidente....sono immagini che non si possono dimenticare. Povero ragazzo, sei morto davvero troppo presto, spero tu possa riposare in pace.

Risposta n°37 

con FabioPatrick il 13/05/2010 * 18:05
A Michael, un pensiero per lui e per la sua famiglia. Giorni, anni non facili, fermi a quel maggio 2005.
Forza...

Risposta n°36 

con Patrizia_Q il 13/05/2010 * 17:12
Un pensiero per Michael e per la sua famiglia.

Risposta n°35 

con ivano il 13/05/2010 * 13:45
eciao AMORE DI ZIO ormai sono trascorsi 5 anni ma il tuo ricordo è sempre vivo nel mio pensiero giornaliero,è impossibile che nn ci sia un giorno che nn ti pensi basta che mi guardo adosso e tu sei li che mi sorridi e mi dai coraggio giorno dopo giorno.Un abbracio ti amo e

Risposta n°34 

con Simone il 01/12/2009 * 15:53

Ciao Michael..

sono passati 4 anni da quando sei diventato un'angelo.. eppure io ricordo ancora bene, i momenti passati in tua compagnia nel cortile di via carlo del prete..quando giocavamo a calcio, e andavamo in bicicletta.. insieme a tutti gli altri ragazzi.. ormai io non abito più li.. ma tutte le volte che passo da quella via, mi ritornano  in mente tutti i momenti belli passati con te...

ciao angelo

Simone


Risposta n°33 

con checca il 15/07/2009 * 09:47

ciao topolino mio!!! è tanto che non scrivo...qui sulla tua pagina,spesso entro in qusto sito...leggo e rileggo ciò ke ho scritto,ciò ke ha sritto la tua mamma,leggo la tua storia...che è impressa nella mia mente ma che nonostante tutto rileggo ogni volta senza stancarmi mai!!non mi stanco e on mi stankerò mai di amare il meraviglioso angelo che sei!il mio angelo custode,il mio dio,la mia speranza,la mia forza,la mia voglia di non arrendermi mai...tutto questo sei tu per me!!!sai venerdì parto,provo ad andare a Londra per staccare un po da questa vita,allontanarmi da qua..il luogo dove siamo cresciuti.. con la speranza di trovare un po di tranquillità e di felicità,cose che qua non riesco proprio ad avere!!!tu però sarai sempre con me...nei miei pensieri e sulla mia pelle...ti porterò con me ovunque io vada...la morte ti ha strappato da me..ma mai niente e nessuno potrà portarti via dal mio cuore,dalla mia mente e dalla mia anima!!spero che mi darai come sempre la forza di lottare e il coraggio di non mollare...e se ho il tuo aiuto posso andare ovunqe!!!

TI PENSERò SEMPRE VITA MIA.... CIAO PICCOLO ANGELO TANTISSIMI BACINI.... Kekka...


Risposta n°32 

con tecla il 29/06/2009 * 02:07
michael mi manki tantissimo.... ti voglio un mondo di bene.... tecla!

Risposta n°31 

con cat il 16/05/2009 * 00:21

michael, sono 4  anni..... sentir tua madre, leggere il suo dolore, la rabbia, la tristezza,  sembra che quelle parole le abbia scritte io.... o noi,  mamme,  e' cosi' hai ragione, stiamo tutte  soffrendo, perche'  sappiamo cosa si  prova......

la tua e' stata  una prova  di 4  mesi , di speranza, di averlo ancora  con te....

il loro ricordo, sara' sempre nei nostri cuori, quando anch'io guardo le ragazze fuori alla scuola, con lo zaino in spalla... i capelli  raccolti, sembra sempre  di rivederla... e'  lei  che torna  da  me,  torna  a casa.... ma non  e'  cosi'.. purtroppo.....  a presto  ANGELI  


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X