Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1803 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :

Opuscoli 10° volume 2009: Roberto Monteverde

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Roberto Monteverde, 25 anni. Tivoli (RM) 15 giugno 1983   –  3 agosto 2008

Roberto Monteverde.jpgRoberto, 25 anni compiuti da poco, muore la sera del 3 agosto.
Infermiere presso l’ospedale di Monterotondo, dove era stato assunto subito dopo il diploma.
Quella notte, decide di accompagnare Marco 26 anni, anche lui morto nell’incidente, suo amico d’infanzia a Palombara. A bordo della fiat uno, i due si immettono sulla maremmana e tranquillamente si dirigono verso la meta prestabilita. Al chilometro 25, una renault clio, condotta da un diciannovenne di  Villanova di Guidonia, che camminava alla velocità di 130 chilometri orari, li prende in pieno. All’arrivo della polizia stradale di Settebagni e del 118 di Tivoli, i due giovani erano già morti.

“Tu che affrontavi la salita con la mitica BMX..
e che sei stato il più bell’arlecchino che io abbia mai visto..
Tu, il nostro nuvola…che giocavi a Barbie con me…
Tu che mi hai sempre sorriso…
e porgevi la guancia in cambio di un bacio..
Tu che mi stavi sempre seduto vicino…
e che amavo incondizionatamente…
Tu  che per me c’eri sempre…
e che criticavo per il modo di vestire…
Tu  che avevi  la “capoccietta” sempre rasata…
e  ti esprimevi con i silenzi..
Tu che mi hai dato consigli ogni volta che ne ho avuto bisogno….
e che hai pianto e riso con me…
Tu che mi hai lasciata quando ancora avevo bisogno di te…
e che ora mi vieni a tener compagnia durante il sonno..
Tu al quale adesso porto un fiore…
e che mi manchi da impazzire…
Tu che cerco in ogni angolo del mondo..
e che ricordo con lacrime di dolore…
Promettimi che mi resterai sempre accanto!!!!

tua cugina Viola


Dal Bolg …. KRIZALID

Articolo stampa da Tiburtino Tivoli


Data di creazione : 02/10/2009 * 09:38
Ultima modifica : 03/08/2012 * 23:21
Categoria : -
Pagina letta 17376 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it