Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

GMR_ICON.pngGiornata del Ricordo
delle vittime della strada

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1823 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Copia il codice :
Ricerca personalizzata

Testimonianze 2009 -n. 24

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoaifvsnero.png
Testmonianza n°24

Storie di Vittime sopravvissute all’incidente stradale

Giovanni Giacobbe ..::Breve storia dell’incidente

Era il 28 agosto del 2002, e stavo percorrendo la Strada Provinciale 20. In prossimità dell’aeroporto di Levaldigi, in direzione di Torino, presso un incrocio già tristemente noto da molti anni per numerosi incidenti spesso mortali, mi scontrai con un autoarticolato che stava attraversando il crocevia.

Complice la scarsa visibilità dovuta alla mancanza di illuminazione pubblica, all’ora dell’incidente (circa le 21.30), ed alla conformazione dell’incrocio (le strade non si intersecavano in posizione perpendicolare compromettendone gravemente la visibilità), la conducente dell’autoarticolato non mi vide sopraggiungere nonostante avesse rispettato il segnale di stop che competeva alla strada dalla quale proveniva.

L’urto, particolarmente violento, costò diverse ore di lavoro ai Vigili del Fuoco per estrarmi dalle lamiere in stato di incoscienza.
In ospedale mi fu diagnosticato un Trauma Cranico in zona frontale, lo sfondamento dell’acetabolo dell’anca sinistra e la frattura dell’ulna del braccio sinistro.
Fui mantenuto in coma farmacologico per cinquanta giorni con tutte le problematiche connesse (compresa una polmonite), anche per mantenermi sedato nelle condizioni di dolore post-operatorio.

Dimesso nel mese di Ottobre dall’Ospedale S.Croce di Cuneo, venni accolto nella struttura riabilitativa di Caraglio, che finalmente decise di farmi varcare la porta di casa pochi giorni prima di Natale di quell’anno, il 22 Dicembre. 

I medici legali di Cuneo che si sono occupati del mio caso mi hanno riconosciuto un’invalidità  di circa il 70%.


Data di creazione : 11/09/2009 * 23:48
Categoria : -
Pagina letta 1405 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it