Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus) - sito ufficiale - Contatti & indirizzi
Ricerca personalizzata
L'associazione AIFVS
Assistenza
Memorie
Prevenzione
Editoria
Attualità

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

Preferenze

Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
Captcha reload
Copia il codice :


  Numero di utenti 1745 utenti
Agenda

 

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Contatti e indirizzi utili

AIFVS onlus
Via Achille Tedeschi 82, 00157 Roma 
Tel. 06/41734624
fax 06/81151888
Cell. 340/9168405

Segreteria Nazionale AIFVS
Sig.ra Patrizia Quaresima
Tel. 06/41734624
fax 
06/81151888
Cell. 340/9168405

Webmaster sito
a cura di Giorgio Giunta
(responsabile  sito)
mail1.gif

Redazione sito
a cura di Giorgio Giunta
(responsabile  news)
mail1.gif

 

 

Glossario

Associazione Italiana Familiari e Vittime della St

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus


Data di creazione : 16/03/2006 * 00:46
Ultima modifica : 24/07/2015 * 10:25
Categoria : - Contatti & mail
Pagina letta 33106 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°7 

con DA il 23/09/2014 * 14:06

Buongiorno,mi chiamo Danilo Pappalardo, sono di Erice (TP) e sono un cantautore..lo scorso giugno 2014 con il mio brano " Strade Bagnate " ho vinto un concorso canoro MUSICA E' finale svoltasi a Montalto di Castro (VT)  il brano parla delle vittime della strada e dell'assenza incolmabile di chi rimane..anche a me è capitato di perdere qualcuno..vi posto il video della finale.http://youtu.be/BahWAaEnxJM
cordiali saluti
Danilo Pappalardo.in arte NICO

Risposta n°6 

con Max_De_Nisi il 12/05/2010 * 20:00

Buon giorno, con la presente siamo a segnalarVi l'associazione nominata "Ma che senso ha?".

"Ma che senso ha?" è un'associazione apolitica, apartitica e senza scopo di lucro che persegue l'obiettivo di diffondere e promuovere valori sociali nel mondo giovanile.
La maturazione e la crescita umana e civile dei giovani sono gli scopi dell'attività associativa, e per questi fini vengono promossi momenti d'aggregazione e di confronto riflessivo con i diretti interessati: i giovani nella fascia d'età 16-25 anni e i loro genitori.

L'associazione "Ma che senso ha?" è un punto di incontro per le persone che condividono la voglia di migliorare la società in cui viviamo.

Attraverso il rispetto reciproco si può far maturare negli adolescenti la consapevolezza del valore della propria vita e di quella degli altri.

Questo è il messaggio principale veicolato da tutte le attività promosse da "Ma che senso ha?" sul territorio nazionale.

L'associazione si avvale di strumenti semplici ma efficaci per trasmettere i propri messaggi: La canzone "La velocità Ma che senso ha?" (canzone che ha ispirato la nascita dell'associazione);Il tour nelle scuole;L'organizzazione di convegni ed eventi dedicati ai giovani. .ExternalClass .ecxshape {;} .ExternalClass p.ecxMsoNormal, .ExternalClass li.ecxMsoNormal, .ExternalClass div.ecxMsoNormal {margin-bottom:.0001pt;line-height:normal;font-size:12.0pt;font-family:'Times New Roman';} .ExternalClass h1 {margin-right:0cm;margin-bottom:0cm;margin-left:0cm;margin-bottom:.0001pt;line-height:normal;font-size:17.0pt;font-family:Arial;color:#F47B20;font -weight:bold;} .ExternalClass h2 {margin-bottom:.0001pt;line-height:normal;page-break-after:avoid;tab-stops:list 90.0pt;text-autospace:none;font-size:10.0pt;font-family:'Book Antiqua';font-weight:bold;} .ExternalClass p.ecxMsoBodyText, .ExternalClass li.ecxMsoBodyText, .ExternalClass div.ecxMsoBodyText {margin-bottom:.0001pt;text-align:justify;line-height:normal;font-size:10.0pt;font-family:'Book Antiqua';} .ExternalClass p.ecxMsoBodyText2, .ExternalClass li.ecxMsoBodyText2, .ExternalClass div.ecxMsoBodyText2 {margin-bottom:.0001pt;text-align:justify;line-height:normal;font-size:10.0pt;font-family:'Book Antiqua';color:black;} .ExternalClass a:link, .ExternalClass span.ecxMsoHyperlink {color:blue;text-decoration:underline;text-underline:single;} .ExternalClass a:visited, .ExternalClass span.ecxMsoHyperlinkFollowed {color:purple;text-decoration:underline;text-underline:single;} .ExternalClass p {margin-right:0cm;margin-bottom:12.0pt;margin-left:0cm;line-height:14.4pt;font-size:12.0pt;font-family:'Times New Roman';} .ExternalClass p.ecxteaser1, .ExternalClass li.ecxteaser1, .ExternalClass div.ecxteaser1 {margin-right:0cm;margin-bottom:12.0pt;margin-left:0cm;line-height:14.4pt;font-size:12.0pt;font-family:'Times New Roman';color:#9E9E34;} .ExternalClass span.ecxngiust1 {color:navy;} @page Section1 {size:612.0pt 792.0pt;} .ExternalClass div.ecxSection1 {page:Section1;} .ExternalClass ol {margin-bottom:0cm;} .ExternalClass ul {margin-bottom:0cm;}   accenno sulla canzone creata dal titolo “La Velocità” canzone creata contro le stragi del sabato sera – motivazioni.   Creata con il testo in lingua Italiana e di genere musicale da discoteca con lo scopo di avvicinarsi il più possibile ai luoghi dove il problema, in stato embrionale comincia a svilupparsi, con l’obiettivo di far ascoltare la canzone proprio in quei momenti con lo scopo di cercare quanto possibile di sensibilizzare i giovani che tornano a casa alla guida della propria auto, dopo aver trascorso una serata nei locali notturni, cercando di fargli capire che la velocità è uno dei maggiori pericoli per la loro vita e per quella degli altri.
è possibile ascoltarla visitando il sito : www.myspace.com/maxdenisidjofficialspace
           accenno alle Campagne di informazione e formazione: L’idea del primo progetto di “ma che senso ha?” nasce nel 2008. Viene testato con una attività di sensibilizzazione e conoscenza delle realtà di vita nel 2009  per mezzo di un primo Convegno dal titolo “La Velocità: ma che senso ha?”. Successivamente  si concentra con la sua fondazione a febbraio 2010 e presentata ufficialmente durante il secondo Convegno del 05 marzo 2010. L’obiettivo è che a breve ne verranno organizzati altri su tutto il territorio nazionale.   accenno al tour Open day School  “ma che senso ha ? “ Campagna di sensibilizzazione sui danni causati da droghe, alcol ed alta velocità di guida. Eventi scolastici creati in ogni istituto della Provincia di Novara sponsorizzato e con il patrocinio della Provincia di Novara, per la sensibilizzazione degli Studenti sui danni fisici causati da alcol, dro

Risposta n°5 

con Fabio il 25/01/2010 * 21:58

Non è l'unico modo per fermare i teppisti della strada. Ce ne potrebbe essere un altro molto, ma molto più economico. Un sito internet con indirizzo del tipo http://www.segnaliamoli.it/  che magari facesse capo a questa associazione. Ovviamente dovrebbe esser pubblicizzato a raffica in TV.Trasformiamo tutti gli automobilisti in controllori! Ti faccio un esempio. Trovi il tipo che commette un'infrazione. Bene, ti ricordi la targa, la marca, il modello, il colore del veicolo. Annoti il luogo, la data e l'ora in cui è avvenuta l'infrazione e il tipo di infrazione e la segnali sul sito che avrà un apposito form per queste segnalazioni. I veicoli segnalati non apparirebbero pubblicamente a tutti, ma rimarrebbero riservati e disponibili per la consultazione da parte delle forze dell'ordine.Ovviamente una cosa del genere non avrebbe alcun valore legale; non si può pensare di multare qualcuno dietro una segnalazione di un qualsiasi automobilista... ma diventerebbe una spia indicativa. Infatti i teppisti della strada riceverebbero tantissime segnalazioni tale da sottoporre la questione all'attenzione delle forze dell'ordine. A quel punto, se ci fosse cooperazione fra il sito e le forze dell'ordine, i più segnalati potrebbero vincere un bel premio. Ad esempio un'auto civetta tutta per loro che li segue h24 per 7 giorni a loro insaputa e registra con tanto di videocamere tutto le infrazioni commesse. A quel punto, collezionate un bel numero di infrazioni (questa volta rilevate da pubblici ufficiali con apparati omologati) scatterebbe in sequenza ritiro della patente, sequestro del veicolo, multa stratoferica ed eventualmente anche l'arresto se le infrazioni lo prevedono. In questo modo i teppisti non si dovrebbero preoccupare solo delle forze dell'ordine, ma anche degli altri automobilisti che diventerebbero a loro volta controllori e controllati. Ogni anomalia verrebbe segnalata di corsa sul sito. La paura di beccarsi un'auto civetta dedicata dovrebbe quindi diventare un potente deterrente contro la violazione del codice della strada...Poi se quelli che vengono "pizzicati" finissero in prima pagina sui giornali e fra le prime notizie dei telegiornali, sarebbe la ciliegina sulla torta. La paura di finire sulla gogna farebbe rispettare anche il limite dei 20 Km/h, laddove è presente!!!L'idea è pratica, economica e fattibile. Basterebbe solo la cooperazione fra sito e forze dell'ordine e una legge che consenta di autorizzare il pedinamento dei potenziali pirati della strada...k

Risposta n°4 

con roberto56 il 07/01/2010 * 14:04

Gentili amici lettori,

sarà perchè ho superato gli "anta", ma non la decina dei 40 bensì quella dei 50, che oggi

ogni qualvolta mi metto alla guida ho sistematicamente paura degli altri automobilisti e di

come si comportano alla guida!  Ma lo stupore maggiore è che molto spesso i piu' spericolati

sono i padri di famiglia con bimbi al seguito, magari sentendosi forti dello stare in un megagippone!

A volte mi "diverto" ad osservare semplicemente ma scrupolosamente il codice della strada, ebbene

è impossibile! Tanto per iniziare tutti cercano di entrarti dentro dal baule, costringendoti ad aumentare la velocità,

oppure accostare tutto a destra per dargli spazio, ed i sorpassi li fanno! Anche in curva con scarsa visibilità, con doppia

striscia, etc. Ti sorpassa anche la polizia benchè senza sirene!

Ma lo stupore maggiore è che i controlli sono praticamente assenti, se non ai soliti camionisti e furgoni, chissà perchè!?

Non ci si rende conto che la patente di guida dovrebbe sottostare alle stesse regole per il porto d'armi! Si proprio

così! perchè chi è  alla guida ubriaco o drogato è come se avesse la licenza di uccidere! Ma chi ha la sfortuna

di incontrare questi soggetti come si difende? 

Io penso che la strada obbligata sia la scatola nera  per tutte le auto, con i dati incancellabili per almeno 1 anno,

e con tutte le infrazioni commesse in questo anno  controllabili dalla 1^ pattuglia che ti ferma, la quale puo' andare arritroso

per vedere cosa quella macchina ha combinato nell'ultimo anno!!! E così se l'auto ha fatto un sorpasso non dovuto,

una inversione pericolosa, una guida contromano, etc la scatola nera gps

dovrà rilevarlo e tenerlo in memoria, dovrà anche rilevare se il guidatore è ubriaco o drogato, unitamente ad un esame che

tutti gli automobilisti dovrebbero fare almeno 1 volta all'anno, tramite il capello! E per chi non ha capelli altri esami analoghi comunque

in grado  di andare arritroso di 12 mesi o quelli che il legislatore riterrà!

Quindi tecnologia e controlli ci consentirebbero di raggiungere risultati pressocchè immediati ancor prima dei termini posti dalla CE!

Mi domando il perchè e cosa ostacoli questa semplice legge di rendere obbligatorio per tutte le auto circolanti, nonchè per

i guidatori, scatole nere e controlli del sangue e capello periodici! I costi di questa operazioni si tradurrebbero in minor spese mediche e

pensioni di invalidità civile! Quindi nella legge prevederei pure che se l'invalidità è causata da incidente stradale, lo  Stato non è tenuto

ad erogare pensioni di invalidità, ma dovranno pensarci le assicurazioni! E questo criterio lo userei anche per i danni causati dal fumo!

Pertanto liberi di fumare, ma se ti ammali ti cura l'assicurazione privata, se la tieni, e NON la collettivita' tramite il servizio nazionale!

Chi vorrà guidare dovrà sottostare a queste regole, in alternativa userà i mezzi pubblici!

Oramai questi provvedimenti si rendono necessari poichè non c'è monito che scoraggi gli italiani alla guida spericolata,

specie i giovani! Troppi oramai sono i morti e gli incidenti, troppe famiglie piangono i propri cari! Ma se si pensasse a tutte le conseguenze,

relative agli incidenti, accompagnate da opportune campagne pubblicitarie, assai scarse, forse si farebbero i primi passi! Ad iniziare dalle

scuole con l'educazione stradale ed alimentare assieme!

Le conseguenze di un incidente sono drammatiche per chi resta in vita invalido, o per i parenti del defunto, che debbono districarsi

 fra tribunali ed assicurazioni

per anni! Quindi conseguenze decennali per guadagnare pochi secondi per un sorpasso!!! Perchè non lo si dice a tutti e varie

volte al giorno cosa significano questi secondi?

Ed infine metterei sul luogo di ogni incidente un monumento all'incoscienza ben visibile a tutti!

Ci si preoccupa del body scanner, quando se vogliamo la caduta di un aereo fa meno morti dell'auto! Ma se la privasy verrà superata per

gli aerei perchè non si fa anche per le auto!??

Vi prego rispondetemi sulle osservazioni fatte e su cosa si stia facendo per scatole nere ed esami, l'unica strada di riduzione dei morti!

Oltretutto le scatole nere sono incentivate dalle assicurazioni con risparmio nella polizza!

Saluti

Roberto.


Risposta n°4 

con aldino il 07/07/2009 * 11:57

scusate ho dimenticato di mettere il collegamento al Gruppo:

http://www.facebook.com/topic.php?topic=9114&uid=205574690370#/group.php?gid=205574690370

ISCRIVETEVI AL GRUPPO NUMEROSI E DATE  AMPIA PUBBLICITA' ANCHE AI VOSTRI CONTATTI.

A.G


Risposta n°3 

con aldino il 07/07/2009 * 11:54

Gent.ma  associazione,

ritengo il lavoro che fate  semplicemente straodrinario!!!

Mi chiamo A.Gardin e  sono un volontario della  Cri,spesso ho a che fare  con situzioni di incidenti stradali,l'ultimo venerdi notte u.s.

A tale proposito stanco di alcuni episodi che  spesso si vengono a creare  post o durante gli  incidenti stradali,ho creato un gruppo su Facebook; tale gruppo vuole  essere un monito per  talune persone  che durante gli incidenti intalciano e soprattutto impediscono magari le operazioni di soccorso  da parte d egli operatori,senza nessun rispetto per coloro che  stanno  esercitando il loro lavoro sia  esso professionale  o di volontariato; ma  soprattutto mancando  di rispetto alle persone che in quel momento sono state coinvolte  soffrono e si trovano in uno stato psicologico alterato (anche per i soccorritori questo puo' avvenire).

Il  gruppo  non vuole  essere  repressivo ma bensi  educare su quanto  detto sopra,ed inoltre possibilmente formare ed informare e  non ultimo prevenire sugli e  gli incidenti stradali.

Vi chiedo gentilmente di pubblicare  questa  mia e-mail e  di aiutarmi a far propaganda al Gruppo che  altri scopi non ha  se non quello di aiutare  e  aiutarci.

Mi afrebbe cmq  piacere  se mi scriveste  una risposta alla  mia mail personale  o  alla mail  del mio contatto  su  Fb.

Ho messo  anche il collegamento al Vostro gruppo.

Vi ringrazio fin d'ora e vi  saluto cordialmente.

A.Gardin


Risposta n°2 

con RAFFAELE il 19/01/2009 * 20:16

NELLE STRADE CIRCOLA MOLTA VIOLENZA, DEGRADO, INTOLLERANZA...GLI AUTOMOBILISTI SONO CINICI...SOPRATTUTTO IL SABATO NOTTE SI FANNO MOLTI INCIDENTI CAUSATI DALL'ALCOL, DALLA DROGA...ECC...ECC...DIO, INVECE E' CALMA, SERENITA', PACE...IO MI AUGURO CHE NELLE STRADE SCENDA CRISTO CHE E' DIO E ILLUMINI NON SOLO GLI AUTOMOBILISTI MA ANCHE I PEDONI E NOI TUTTI...CONVERTITEVI...IL SANTO PARADISO E' VICINO...DICEVA SAN PAOLO...!!!


Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X

Sito ufficiale dell' Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  

im_off.gif
info@vittimestrada.org