chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1803 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .
News
La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News

roberta.jpg

02/02/2017

Alle Autorità  Politiche
Presidente  della Repubblica,  Mattarella
Presidente  del Senato, Grasso
Presidente  della Camera,  Boldrini
Ministro  della Giustizia,  Orlando
Ministro  della Salute, Lorenzini
Presidenti  dei Gruppi  Parlamentari
Ai Media

Una persona normale  arriva al punto di farsi giustizia  da sé.

Di chi la colpa?

Non  è la prima volta che ad un crimine  stradale segua una ulteriore tragedia,  frutto di un dolore che diventa sempre più insopportabile, e a cui si aggiungono solitudine e mancate risposte dello Stato, della Giustizia.
Ricordiamo  la madre di Alex che nel 2011  si è tolta la vita il giorno dopo l'uccisione  del figlio, ma ci sono altri casi che documentano un inenarrabile dolore.
È il momento di riflettere per dare peso alle cause.
È diffusa nella società la sfiducia nella giustizia, processi ed udienze differiti nel tempo per cause da addebitare all'amministrazione  della giustizia e allo Stato, vittime e familiari privati irrimediabilmente  di  quei  legami  affettivi  che  davano  senso  alla  loro  esistenza,  e  costretti  a sopportare in solitudine  le conseguenze  irreversibili del reato, associazioni  che utilizzano  la loro esperienza di dolore per dare conforto umano e per assicurare aiuto psicologico e legale a coloro che  si  trovano  nella  disperazione  e  nell'impotenza,   di  fronte  ad  istituzioni  la  cui  burocrazia penalizza le esigenze del "caso concreto".
Chiediamo  la piena applicazione  della direttiva europea  2012/29/UE  del rispetto  dei diritti delle vittime, non circoscritta alle fasi del processo ma allo stato di vittima, una condizione che oggi trova risposta solo presso le sedi dei familiari delle vittime. Chiediamo alle istituzioni di operare in sinergia con tali organismi, per creare una rete di sostegno a favore di chi è costretto a sopportare la sofferenza di un'offesa  irreversibile, perché non cada nella tentazione di farsi giustizia da sé.
La tentazione di cui non si è saputo liberare Di Lello deve essere per lo Stato e per coloro che gestiscono la giustizia una forte occasione di riflessione sulla loro storica inadeguatezza e una spinta al cambiamento, per aiutare la persona e per "fermare  la strage stradale", perché non ci siano né vittime e né imputati.

f.to Giuseppa Cassaniti Mastrojeni
Presidente AIFVS


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Privacy policy e cookies policy   

Policy-socialnetwork


Chiudi