Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
Siete qui :   Home » News
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...

News

La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News

L’AIFVS ha partecipato alla Conferenza Aci-Istat

Incidenti stradali 2015 dati provvisori

A fronte del calo degli incidenti (-1,8%), e dei feriti (-2%), si registra l’aumento dei morti dell’1,1% e dei feriti gravi del 6%.

Dati inquietanti che, pur se provvisori, consentono ai relatori di affermare che l’Italia si allontana dall’obiettivo europeo 2020.

Tali dati, che generano sconcerto nell’AIFVS, sono frutto in Italia di una politica di prevenzione assente o inadeguata. E nel richiamare i parametri fondamentali per la prevenzione, l’AIFVS ha espresso nella conferenza la necessità che gli obiettivi da raggiungere nel territorio vengano indicati dal centro, come pure le sanzioni per il loro mancato conseguimento, puntando sulla funzione di coordinamento e di controllo dei Prefetti nel territorio.

E’ tempo di passare da interventi di prevenzione a “macchia di leopardo” sostenuti da strutture di base, ad interventi “a tappeto”, frutto di consapevolezze e scelte istituzionali, perché il cambiamento diventi sistema in ogni campo. Per modificare i comportamenti non bastano i controlli e l’eventuale deterrenza dell’omicidio stradale, bisogna piuttosto puntare sull’informazione-formazione a tappeto, perché le persone e i giovani in particolare si rendano conto dei pericoli legati alla trasgressione delle norme, dei danni che l’alcol e la droga arrecano alla salute, dei valori da difendere: un impegno sistematico non affidato solo agli organismi educativi, alla scuola di base e superiore, ma anche alla  tv, considerata “scuola parallela”, capace di raggiungere grandi numeri.

Alla Presidenza della Rai abbiamo rivolto la richiesta di una rubrica fissa televisiva che tratti in maniera sistematica e nei tempi di maggiore ascolto tutti gli aspetti legati alla sicurezza stradale secondo un programma costruito anche con l’apporto degli organismi sociali. E nel contempo chiediamo il sostegno dell’iniziativa all’Aci, alla Croce Rossa Italiana e a tutti coloro che hanno a cuore la difesa del valore della vita: un’iniziativa che nel trattare il problema della strage, fa riferimento a tutti gli altri aspetti che incidono sulla sicurezza stradale.

Giuseppa Cassaniti Mastrojeni

Presidente AIFVS