Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » News
 
 
 
 

News

La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News

Scontro dei treni tra Andria e Corato

scontro-treni-puglia-818235-755x480.jpg
Una strage causata dal sistema Italia

L’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, nell’esprimere il proprio dolore per le vittime ed i familiari, orienta l’attenzione sulle gravi responsabilità delle istituzioni che mantengono le strutture in condizioni di insicurezza.

Il capo stazione che forse avrà dato una comunicazione errata è l’ultima ruota del carro di un sistema irresponsabile. Gli interrogativi sono molti ed hanno come unico denominatore il mancato reale interesse al bene comune, con il permanere di infrastrutture superate ed anche prive di sensori di sicurezza, la cui presenza avrebbe potuto evitare le conseguenze dell’errore umano. Purtroppo le cose che si sanno non si fanno, e le vittime sono lì a gridare che bisogna porre fine all’atavico problema del malaffare e della superficialità che ha distrutto la loro vita e continua a mettere a rischio la vita e la serenità di tutti noi.

Da sempre abbiamo evidenziato la necessità di un cambiamento culturale, etico ed organizzativo, perché le istituzioni si rapportino con la società civile al fine di riconoscere i problemi reali e risolverli in sinergia alla luce della legalità. Ci tocca invece di riscontrare ancora richieste senza risposta, che indicano chiusura e distanza nei confronti della società e dei problemi rappresentati, come quello di garantire più sicurezza sulle strade riducendo il gommato ed incrementando il trasporto pubblico, la strada ferrata e la via del mare.

Auguriamo che questa gravissima tragedia faccia riemergere la coscienza e l’etica in coloro che sono chiamati a decidere per gli altri.

Giuseppa Cassaniti

Presidente AIFVS

 14/7/2016