Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.
§Ricerche
 
Chiudi

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1801 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
News
La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News

Articolo di Fabio Pinelli, su Il Gazzettino del 13/4/2016 (Link articolo stampa pdf_icon.gif )
Nota dell’AIFVS
Nell’articolo “Incidenti stradali, le nuove norme ed il rischio del populismo penale” l’estensore si chiede come mai la nuova disciplina penale sia stata così tanto invocata, e poi adottata come un bisogno primario della nostra collettività. 
L’estensore dell’articolo è un avvocato, pertanto viene spontaneo chiedergli: ma lei dov’era quando nei Tribunali si calpestavano i diritti delle vittime e dei familiari, si applicava non la pena congrua ma la pena minima ed anche sospesa a fronte di una vita distrutta o di una salute danneggiata per sempre? Condivideva che chi trasgrediva le norme cautelari del codice della strada dovesse anche essere premiato dalla giustizia? E quelle espressioni offensive che abbiamo sentito con le nostre orecchie e che pesano sul nostro cuore “Il morto è morto, diamo aiuto al vivo” a lei che effetto avrebbero fatto?  Non ritiene che il bisogno primario della nostra collettività sia il rispetto del diritto inviolabile alla vita ed alla salute? La  giustizia svolga la sua funzione di deterrenza e riconfermi il valore dell’osservanza delle norme cautelari del codice della strada. Tutti, istituzioni e utenti della strada impegniamoci a sostenere con i nostri comportamenti la civiltà e la vita. 
Nel nostro comunicato “No alla platealità sull’omicidio stradale” avevamo già chiarito che non c’era niente da festeggiare, anzi chiedevamo al Premier Renzi di lanciare l’input adeguato per mobilitare in tutti i contesti territoriali l’impegno a prevenire l’incidente stradale, “affinché non ci siano né vittime e né imputati”. Si impegni anche lei, avvocato Fabio Pinelli, per la prevenzione, per fermare la strage stradale, non si fermi al dimezzamento della strage, ma assuma l’obiettivo della “Visione Zero”.
Giuseppa Cassaniti
Presidente AIFVS
2/5/2016


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it