Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1796 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
News
La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News

incidente_spagna.jpg

Porta a Porta:  “Perché mia figlia non c'è più?” 
Una domanda che in quel contesto non ha trovato una risposta adeguata
È la domanda che tormenta i genitori delle sette ragazze italiane, così come di tutte le altre vittime uccise nella strage del bus a Tarragona.

Genitori piombati nello sgomento, eppure hanno già capito: significative le parole del padre di Serena Seracino che, intervistato nella puntata di "Porta a porta" del 21 marzo, ha evidenziato che gli studenti dovevano essere trasportati in piena sicurezza. È evidente, infatti, che imporre alla guida turni massacranti o orari innaturali - ancor più quando ti è affidata la responsabilità di tante vite - non è una fatalità: è una gravissima imprudenza.

Eppure, in studio la stessa domanda ha trovato subito una risposta di ben altro tenore: l'autista non aveva bevuto; è stato un semplice colpo di sonno. Una tragica fatalità o, per dirla con le parole del Ministro dell'Istruzione Giannini, presente in studio, "un agguato del destino, da non confondere con la grande esperienza formativa dell’Erasmus”.

La preoccupazione è facilmente intuibile: in un'Europa che non è più un porto sicuro, occorre rassicurare le famiglie, allarmate dai tanti rischi cui i propri figli sono esposti.
Niente di meglio, allora, che affidare il dibattito ad un parterre di ospiti tutti legati al mondo dell'istruzione, senza alcuna voce - neanche istituzionale - a rappresentanza della sicurezza stradale.

Come familiari di vittime della strada, al Ministro Giannini vogliamo mandare un messaggio semplice: nessuno nega la valenza dell’Erasmus, ma per garantire la libertà di movimento, i problemi relativi alla sicurezza dei nostri figli non vanno minimizzati, vanno affrontati!

Nel rinnovare il nostro cordoglio ai familiari delle vittime della strage di Tarragona, informiamo che per ogni esigenza di assistenza all'estero l’AIFVS ha attivato una collaborazione con l’Associazione spagnola PAT-APAT (www.pat-apat.org), nell'ambito della comune appartenenza alla FEVR (www.fevr.org). FEVR è membro del consiglio generale di UNRSC (United Nations Road Safety Collaboration) e di ETSC (European Transport Safety Council); inoltre, ha lo Stato Consultivo (Roster) in UNECE (United Nations Economic Council for Europe).

Della collaborazione è stata informata anche l’unità di crisi della Farnesina.

Giuseppa Cassaniti Mastrojeni – presidente AIFVS

23/3/2016


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it