Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Siete qui :   Home » News
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...

News

La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News
Arresti domiciliari ad Ilir Beti - il 16/03/2016 * 12:56

Arresti domiciliari ad Ilir Beti

L’AIFVS protesta

16/3/2016

L’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada ONLUS, apprende con stupore la concessione degli arresti domiciliari ad Ilir Beti, omicida dei 4 ragazzi francesi nell’agosto del 2011 sulla A26, condannato in primo grado a 21 anni, confermati dalla Corte d'Appello, in Cassazione, viene rinviato nuovamente alla Corte d’Appello, che ha nuovamente confermato la condanna per omicidio volontario con una pena a 18 anni e 6 mesi.

L’avvocato difensore ha fatto ricorso un'altra volta alla Suprema Corte di Cassazione e ottenuto gli arresti domiciliari. L’AIFVS non vuole entrare nel merito della decisione del giudice, perché non conosce nello specifico le motivazioni, che saranno sicuramente chieste e analizzate dai nostri Avvocati, però muove perplessità per tale decisione: siamo a 5 anni dall’incidente e siamo ancora alla fase penale e non si è ancora affrontato il procedimento civile. Questo continuo rimbalzo tra le varie fasi processuali, tende sempre più a dilatare i tempi processuali, rischiando in molti casi la prescrizione. Speriamo in una sollecita firma da parte del Presidente della Repubblica, con relativa pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, della legge sull’Omicidio Stradale, affinché si possano dirimere queste annose interpretazioni soggettive dei giudici, su che tipo di omicidio è quello stradale.

Ezio Bressan
Vice Presidente AIFVS