Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » News
 
 
 
 

News

La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News

L’AIFVS plaude all’approvazione della legge sull’omicidio stradale

Una richiesta di giustizia che trova radici nell’AIFVS

L’AIFVS aveva perorato la richiesta di definire prima possibile la legge sull’omicidio stradale, ed ha ritenuto opportuno che il Governo chiedesse il voto di fiducia per accelerare le conclusioni e per dare ai politici il segnale che le cose si debbono fare bene nei tempi previsti.

Gli ulteriori eventuali miglioramenti del testo saranno frutto di un futuro confronto sociale.

Noi dell’AIFVS siamo, pertanto, soddisfatti del risultato raggiunto, che rappresenta una risposta, anche se non perfetta, alle nostre richieste maturate nel tempo, attraverso esperienze processuali, convegni e proposte di legge. Ed infatti nella nostra proposta di legge 3274, presentata il 3 marzo 2010 alla Camera, avevamo precisato per la prima volta il tema dell’omicidio stradale, non più incidente ma crimine, e previste pene da espiare per le condotte colpose aggravate da guida azzardata e pericolosa o in stato psicofisico alterato per alcol o droga.

Comportamenti che, attraverso consultazioni e convegni, sono stati specificati in un nostro successivo contributo, e tramite audizioni, incontri con i politici e consegna di documentazione, compresi in parte nell'attuale testo di legge.

Pertanto, siamo soddisfatti che, finalmente, ci sia un testo sull'omicidio stradale, e riteniamo che

rappresenti la risposta perfettibile alla continuità dell’impegno dell’AIFVS e delle altre vittime della strada!

Ringraziamo i politici che si sono impegnati con tenacia perché, nella valutazione del caso concreto, i giudici possano assicurare a tutti giustizia, a partire dalle vittime.

                                                                                                Giuseppa Cassaniti Mastrojeni

                                                                                                          Presidente AIFVS