Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » News
 
 
 
 

News

La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News

Al Presidente Napolitano
Ai Presidenti di Senato e Camera
Alla Stampa

NAPOLITANO NON  FIRMI IL DPR CHE RIDICOLIZZA I VALORI DEL RISARCIMENTO DELLE VITTIME
DELLA STRADA E DELLA MALASANITA' CHE HANNO SUBITO LESIONI GRAVI O GRAVISSIME
IL VALORE DELLA VITA UMANA NON E’ UN AFFARE CORRENTE!

Abbiamo avuto notizia che  è stato preparato, pronto per  essere approvato la prossima settimana, il decreto taglia risarcimenti per le vittime di incidenti stradali e della Malasanita' con una  tabella medico-legale e una di valutazione monetaria per le lesioni gravi o gravissime che riduce gli importi risarcitori  fino al 60%.
Per esempio un giovane di 35 anni che subisce un danno biologico del 50% (perdita totale dell’avambraccio o totale di una mano) è oggi risarcito, come previsto dalle tabelle Milanesi, con un ammontare, che include anche il danno morale, da un minimo di € 363.659 fino ad €  454.000 (compresa la personalizzazione).
Con le nuove tabelle tali valori rischiano di dimezzarsi!
Questa tabella non è quella approvata dai vari organismi scientifici nel corso degli anni perchè ha subìto un coefficiente di abbattimento  assolutamente non previsto. E ciò accade proprio mentre il Tribunale  di Milano ha aggiornato le proprie tabelle considerate sia dalla Cassazione che dal Parlamento (26 ottobre 2011- mozione Pisicchio 428 voti a favore e 6 contrari) quale parametro di riferimento nazionale per il risarcimento del danno alla persona.
Le Vittime della Strada  fanno appello al Presidente Napolitano perché  non firmi questo decreto che le mortifica e che rappresenta solo un ennesimo regalo alle compagnie assicuratrici

Roma.30/03/2013

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada
Presidente
Giuseppa Cassaniti Mastrojeni