chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1793 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .
News
La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News

 COMUNICATO STAMPA
  
Per il Tribunale di Palermo ammazzare un innocente non è grave: torni pure a casa
        
Uccide con un tasso alcolemico di 1,35 e alla velocità di 160 km/h e non deve espiare alcuna pena!
          
L’AIFVS chiede un decreto legge che garantisca subito la certezza della pena
 
Il Gup Vittorio Anania del Tribunale di Palermo, con il consenso del Pm Ennio Petrigni, ha ritenuto congrua la sospensione condizionale della pena di 1 anno e 11 mesi!!!!!!!!!!
 
L’unica punizione: 2 anni e sei mesi di sospensione della patente. “Così è deciso, l’udienza e’ tolta”.

 
Erano le 6.36 del primo gennaio del 2011 e Davide Scarfeo di 35 anni tornava in sella al suo scooter a casa. Era sobrio e contento della serata trascorsa. Walter Segretario, a bordo della sua auto, guidava ubriaco con un tasso alcolemico di 1,35 g/l e viaggiava a circa 160 Km/h dove il limite massimo era di 100Km/h. Aveva messo in atto tutte quelle condotte idonee ad uccidere. Non appena la sua auto raggiunse lo scooter di Davide Scarfeo si verifico’ l’evento altamente prevedibile, lo travolse uccidendolo a soli 35 anni.
L’AIFVS è indignata per questa sentenza. Questo pronunciamento ci fa capire che a Palermo si puo’ guidare ubriachi o drogati e contemporaneamente sfrecciare senza limiti di velocita’ ammazzando chiunque e tornarsene a casa senza dover espiare alcuna pena. La sentenza sembrerebbe dirci che in fondo non e’ cosi’ grave ammazzare qualcuno se non per mafia.
Questa discrezionalita’ in mano ai magistrati  finisce per punire solo le vittime e vanificare il lavoro fatto dal legislatore che, nel 2008, con la legge 125 incrementava la pena per la guida in stato di ebbrezza, dando un preciso segnale alla magistratura di punire più pesantemente tale reato. Addirittura indicava che le attenuanti non coincidono con le aggravanti e che lo stato di incensurato non costituisce un’attenuante!
Per l’AIFVS non e’ piu’ possibile procrastinare l’approvazione di un Decreto Legge che garantisca da subito la certezza della pena per l’omicidio stradale. Chi guida sotto l’effetto di alcol, di droghe e chi deliberatamente mette in atto azioni sconsiderate atte ad uccidere sia punito in modo esemplare. Non per vendetta ma per essere d’esempio. Per evitare che altri debbano morire a causa d’incoscienti convinti di farla comunque franca.
Sono troppe le sentenze indecenti che non si addicono ad una societa’ che si ritiene civile. Per questo l’AIFVS annuncia la redazione di un “libro bianco” che raccogliera’ quelle sentenze e quegli scritti in atti giudiziari intollerabili, con i nomi e i cognomi di chi con troppa superficialita’ sottovaluta il bene giuridico costituzionalmente protetto della vita.

Giuseppa Cassaniti Mastrojeni
Presidente AIFVS


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Privacy policy e cookies policy   

Policy-socialnetwork


Chiudi