GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada.......

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1800 utenti
Connessi :
( nessuno )
Snif !!!
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .
News
La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News
Tutti condannati i dirigenti del consorzio autostrade siciliane per omicidio colposo

Incidenti stradali Tutti condannati i dirigenti del consorzio autostrade siciliane per omicidio colposo plurimo
autostrade_siciliane.jpg
Sentenza storica della Corte d'Appello di Messina che, finalmente, riconosce e punisce le responsabilita' dei gestori di strade e autostrade.

Un anno e sei mesi a tutti i dirigenti imputati del Consorzio Autostrade Siciliane: il Commissario Straordinario Benedetto Dragotta , il Direttore generale Ubaldo Luxi, il Direttore Tecnico e di Esercizio Felice Siracusa, il Direttore dei Servizi Tecnici Gaspare Sceusa. 
La Corte di Appello di Messina ha accolto l´Appello della Procura della  Repubblica e delle parti civili, tra cui l´AIFVS Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, contro la sentenza di assoluzione di primo grado del Tribunale, ribaltando il verdetto.
La Corte di Appello di Messina ha accolto l´Appello della Procura della  Repubblica e delle parti civili, tra cui l´AIFVS Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, contro la sentenza di assoluzione di primo grado del Tribunale, ribaltando il verdetto.
La condanna in appello evidenzia la condotta  omissiva da parte degli imputati, i quali "avevano il preciso obbligo di vigilare sull´efficienza e l´inidoneità delle barriere presenti sul viadotto "Ritiro", e accertatane la palese inadeguatezza, provvedere alla tempestiva sostituzione" e, nell´impossibilità economica di sostituire le barriere esistenti con altre di nuova generazione, "avrebbero dovuto quanto meno apprestare rimedi provvisori e cautelativi, segnalando il pericolo agli automobilisti" atti a limitare la velocità di transito dei veicoli sul viadotto, stante anche le condizioni di particolare pericolo dovuto alla considerevole altezza dell´impalcato e alla presenza di abitazioni in prossimità della base del viadotto.
Il 2 maggio del 2006 alle ore 4 del mattino, un´Audi A4 percorreva la tangenziale A/20 in direzione di Palermo, sul viadotto denominato "Ritiro" e, molto probabilmente per un colpo di sonno o per una distrazione, ha strisciato con la parte laterale destra contro il guard-rail posto sul margine destro e ha iniziato a sbandare in direzione della barriera posta sul margine sinistro. L´urto e´ stato inevitabile e dopo aver abbattuto 12 m di barriera e 5 pannelli di rete metallica, l´autovettura e´ volata nel vuoto per 52 metri nel terreno sottostante. Nell´impatto i quattro occupanti, Alberto Giacoppo, Antonino Pino, Cesare Paone, Salvatore Ordile hanno perso la vita.
L´avvocato  Gianmarco Cesari del Foro di Roma della Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, difensore anche dei familiari di Salvatore Ordile, ha strenuamente lottato, insieme agli avvocati dei familiari delle altre 3 vittime, per la ricerca della verità. L’impegno dell’avvocato per conto dell’Aifvs e’ stato finalizzato al raggiungimento dell’obiettivo dell’Associazione che persegue senza sosta da anni: sensibilizzare i responsabili della rete autostradale al problema della protezione degli utenti correlato al rispetto degli obblighi normativi e dei contratti di servizio attraverso l´adeguamento delle barriere e dei dispositivi di sicurezza ai margini delle strade, problema che ha acquistato sin dagli anni 80 un` importanza sempre maggiore per il continuo incremento dei veicoli in circolazione e per il crescente numero dei sinistri mortali per barriere pericolose, inadeguate e salti da viadotto.

pdf.gif
Articolo stampa la gazzetta del sud

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X