Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.
§Ricerche
 
Chiudi

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1801 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
News
La news attive sono posteriori al 31/12/2010 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News

Assise.jpgCOMUNICATO STAMPA

Omicidio Di Matteo: anche in caso di omicidio volontario l’RCAuto deve risarcire e l’Aifvs è parte lesa in omicidio stradale doloso.


La Corte d’Assise di Teramo, questa mattina, ha riconosciuto per la prima volta due importantissimi principi, rigettando le eccezioni sollevate dagli avvocati dell’assicurazione e dell’imputato nel processo che vede incriminato Alfredo Beltramba, di  63 anni, accusato di aver ucciso volontariamente con l’automobile, il 14 aprile di un anno fa, la suocera Iolanda Di Matteo, per vecchi rancori familiari.

La Corte d’Assise di Teramo ha rigettato l’eccezione sollevata dall’avvocato dell’assicurazione GROUPAMA Assicurazioni, (la compagnia che assicurava il veicolo utilizzato per commettere l’omicidio), affermando il principio di diritto secondo cui la garanzia assicurativa RCAuto vale anche per gli omicidi stradali commessi con dolo, cioè volontariamente.

La Corte, inoltre, ha rigettato l’eccezione sollevata dall’avvocato dell’imputato per determinare l’esclusione dalla costituzione di parte civile dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada presentata dall’avvocato Gianmarco Cesari. Con questo provvedimento la Corte riconosce la legittimazione dell’Aifvs a costituirsi parte civile anche nei processi di omicidio stradale volontario.

L’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada si dichiara soddisfatta per le decisioni della Corte d’Assise di Teramo che ha dato valore al diritto del risarcimento alle vittime anche nel caso in cui l’omicida abbia utilizzato l’automobile per commettere volontariamente un omicidio.


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it