Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Opuscoli 2° volume 2000: Sandro Piccini
 
 
 
 

Opuscoli 2° volume 2000: Sandro Piccini

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Sandro Piccini, 15 anni - Lastra a Signa (FI) - 24.2.1983 - 7.4.1998

Sandro Piccini.jpgSandro era un ragazzo pieno di vita, amava gli amici, la musica, gli animali; era il piccolino di casa, coccolato da tutti noi; le sue risate e la sua gioia riempivano la casa, oggi così silenziosa; viveva intensamente ogni attimo e il tempo sembrava non bastargli mai: giocava a calcio nella squadra del paese, frequentava una palestra di kung-fu, appena poteva saltava sulla bici per lunghi giri in campagna; ma era anche assai sensibile, soffriva molto per le ingiustizie nel mondo.

La sera del 7 aprile 98, alle 22,30, usciva appunto dalla palestra, felice perchè proprio quella sera il maestro gli aveva detto che poteva indossare la tunica della scuola: è stato allora che da una curva è sbucata una BMV condotta da un uomo di 53 anni e lanciata a velocità folle su una strada col limite dei 50 orari; l'auto lo ha investito, lo ha trascinato per 50 metri distruggendo due vetture in sosta, due cassonetti e dieci metri di ringhiera di ferro; Sandro è stato ucciso sul colpo, lo zaino che portava a tracolla ha sfondato il parabrezza come un proiettile.

Siamo arrivati sul posto dopo un'ora e mezza, in una scena da incubo: Sandro era lì per terra, coperto con un vecchio plaid, il suo sorriso spento per sempre.

Non possiamo perdonare il conducente dell'auto, che non si è scusato e certamente non si è pentito: il suo comportamento dopo l'incidente e al processo è stato di una indifferenza agghiacciante; ha patteggiato 6 mesi con la condizionale, ha avuto due mesi di sospensione della patente, pene ridicole davanti a una vita stroncata: con quella sentenza mio fratello è come fosse stato ucciso di nuovo, questa volta da una legge che tutela i colpevoli invece di rendere giustizia alle vittime.

Abbiamo donato le cornee, il pensiero che oggi due persone vedono con i suoi occhi ci aiuta in qualche modo, ma il dolore per la sua perdita non ci abbandona mai; e anche se abbiamo la certezza che si trova in un mondo migliore ci manca tantissimo.

Sandro, il tuo sorriso sarà sempre nei nostri cuori.

mamma, papà e la tua "sorellina" Patrizia


Data di creazione : 04/01/2009 * 00:38
Ultima modifica : 04/01/2009 * 00:41
Categoria : -
Pagina letta 5371 volte