Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Opuscoli 2° volume 2000: Federico Gori
 
 
 
 

Opuscoli 2° volume 2000: Federico Gori

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Federico Gori, 27 anni - Ospedaletto (Pl) - 13.5.1972 - 14.9.1999 

Federico Gori.jpgFin dalla prima adolescenza Federico si era contraddistinto per la gioia e la voglia di vivere con gli altri e per gli altri.

Boy-scout fin da piccolo, sulle orme delle tradizioni familiari, ne aveva frequentato i gruppi fino a quando l'impegno del servizio militare glielo aveva consentito.

Impegnato nel volontariato si era concretamente interessato ai servizi antincendio e barellieri aderendo all'Associazione della pubblica assistenza.

Anche quando ha intrapreso la carriera militare, iniziata con il servizio di leva e che lo ha visto promosso fino a maresciallo paracadutista attraverso numerosi corsi di specializzazione, ha sempre scelto di partecipare a missioni al servizio della sicurezza dello Stato e della pace, partecipando tra l'altro all'operazione "Vespri siciliani" e alla missione in Bosnia Erzegovina.

Tornava a casa ogni volta felice per il contributo dato e per i pericoli evitati.

Ma un pericolo ben più subdolo, rappresentato dalla stupidità umana, dall'ingordigia e dalla malafede che riempiono le strade italiane e che ci attendiamo siano giudicate con la dovuta severità, ha spento per sempre il suo sorriso.

Non sappiamo se e chi abbia causato la tua caduta ma sappiamo che ti ha ucciso una longherina di guard-rail irregolare e scoperta, elemento di morte invece che di protezione.

Federico, la tua perdita sarà per tutti noi, cui manchi così tanto, motivo per rivendicare con forza e in tutte le sedi una diversa politica della sicurezza stradale ed una giustizia molto più attenta a questi argomenti, visto che nelle aule dei Tribunali tanti come te vengono uccisi una seconda volta.

 

la mamma Simonetta, il papà Giuliano, i fratelli Gian Marco e Raffaello


Data di creazione : 03/01/2009 * 11:50
Ultima modifica : 04/01/2009 * 00:34
Categoria : -
Pagina letta 5462 volte