Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Opuscoli 8° volume 2007: Paolo Allara
 
 
 
 

Opuscoli 8° volume 2007: Paolo Allara

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Allara Paolo 25 anni - Valperga (TO) - 3 gennaio 1989
Paolo Allara.jpgScrivo quanto è accaduto e come ha perso la vita a soli 25 anni mio fratello Paolo.
Egli era fermo ad un incrocio a Torino, in via Reiss Romoli per svoltare a sinistra in via Lulli.
Erano circa le 18, era andato a prendere la fidanzata al lavoro.
Fermo al centro strada, con la freccia a sinistra, gli piomba addosso una vettura contromano, cioè gli arriva da dietro e lo sbalza a 30 metri fuori dal veicolo, lasciandolo senza vita sul marciapiedi,
la ragazza gravemente ferita  si salverà.
Sappiamo poi,che questa macchina era condotta da uno zingaro ubriaco che, a grande velocità sorpassava tutte le auto ferme fino a schiantarsi contro la fiat uno di Paolo.
Dopo l’accaduto fuggì,  ferito si fece medicare in ospedale dove si trovava la ragazza di mio fratello, capito che si trattava del pirata che aveva provocato l’incidente fu “arrestato”.
Peccato che passò solo quella notte in galera, quando il giorno dopo fummo convocati dalla Polizia era già stato rilasciato, nonostante avesse diversi fogli di via, cioè non avrebbe dovuto essere in Italia!! Invece non solo c’era, ma un prestanome gli aveva dato un’auto, un’arma per uccidere nelle condizioni in cui era alla guida.
Nonostante questo, otto mesi dopo, nel processo che lo vedeva condannato in contumacia e dove  fu considerato omicidio colposo e non volontario, (come lo è dal nostro punto di vista) la pena fu revocata e nessuno aveva sentore di che fine avesse fatto….si era dileguato furbescamente, ben difeso dai suoi avvocati!! Perché difendere certa gente? Per soldi!!
Da allora siamo indignati, non crediamo più nella giustizia!
Casi come il nostro ora sono all’ordine del giorno, ci uniamo a voi nella speranza che l’unione faccia la forza che da soli non abbiamo avuto per onorare la memoria di Paolo e di tutti quelli che come lui non hanno più voce.
La famiglia


Data di creazione : 06/11/2007 * 00:07
Categoria : -
Pagina letta 12808 volte