Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Opuscoli 13° volume 2012: Sergio Mosca
 
 
 
 

Opuscoli 13° volume 2012: Sergio Mosca

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Sergio Mosca - 18 anni - Napoli 16 giugno 2010

 Napoli 16 Giugno  2010 Sergio Mosca 18 anni Muore tre giorni dopo l'incidente  QUANDO hanno saputo che stava per essere staccato il respiratore sono piombati in tanti in ospedale. Almeno cinquanta tra familiari e amici, per impedire che l'ultimo gesto di un medico levasse ogni speranza di sopravvivenza a un giovane di diciotto anni. Ma per Sergio, dichiarato clinicamente morto  non c'era oramai più nulla da fare.E la disperazione siè presto trasformata in rabbia, fatta di urla e minacce davanti all'ospedale Loreto Mare. Sono accorse le volanti, i poliziotti hanno tenuto con difficoltà la situazione sotto controllo. Quindi hanno sorvegliato l'ospedale fino al pomeriggio, quando la salma di Sergio è stata portata via, destinazione istituto di Medicina legale, per l'autopsia  Sergio Mosca stava tornando dal mare, Era in compagnia di tre amici, seduto in auto lato passeggero. Una giornata di piena estate e la prospettiva di un sabato sera di divertimento. Poi l'incidente, sulla Napoli-Salerno direzione Nord, altezza uscita di Ponticelli. Una moto con due persone in sella sfiora l'auto su cui viaggiano i quattro ragazzi. ma incredibilmente, mentre la moto riesce seppur con difficoltà a rimanere in equilibrio, l'auto invece si ribalta.

Il giovane amico di Sergio Mosca che era alla guida dell'auto - Luca Pinto, diciannovenne di via Gianturco - muore sul colpo. Gli altri tre ragazzi restano feriti. Ma mentre due di loro non sono in pericolo di vita, le condizioni di Sergio Mosca,  appaiono subito gravi. Ha riportato un brutto trauma cranico. Resta tre giorni tra la vita e la morte poi,  viene dichiarato clinicamente morto. La speranza alimentata dai familiari e distrutta all'improvviso dalla notizia che qualche ora dopo sarebbe stata staccata la spina del respiratore scatena la disperazione e l'ira.



ãCopyright 2001/2012 tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 


 

Data di creazione : 17/10/2012 * 20:18
Ultima modifica : 17/10/2012 * 20:47
Categoria : -
Pagina letta 12548 volte