Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Opuscoli 13° volume 2012: Italo Alberto Cappelli
 
 
 
 

Opuscoli 13° volume 2012: Italo Alberto Cappelli

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Italo Alberto Cappelli

Non sono morto quel giorno ( il 22 dicembre 2010) che un artigiano frettoloso, col suo furgone mi ha falciato sulle strisce pedonali. Ho lottato per risvegliarmi dal coma seguendo il richiamo di coloro che mi amavano.
Ho resistito con tutte le forze al dolore di ritrovarmi completamente immobile, martoriato nel corpo, trapassato da mille dispositivi per tenermi in vita,  e muto.
 Ho guardato il mondo che si muoveva attorno al mio letto d'ospedale, ho visto il dolore negli occhi di mia moglie e dei miei figli mentre mi sorridevano ed ho capito.
 Ho tentato di muovere una mano  per accarezzarli, e di dir loro  una parola per consolarli, io che ho vissuto per proteggerli  ed amarli, ma non ho potuto.
 Allora ho pianto.
Due anni ci son voluti  per comprendere che ogni  cura ed ogni sforzo sarebbero stati vani. Due anni  per  capire e soffrire.
 E allora lentamente le cose  attorno a me sono andate  perdendo colore, le voci sempre più lontane, il tocco di chi mi accudiva sempre più lieve.
 Mi hanno chiamato  a lungo ma non ho più risposto, nel mio sonno senza sogni, per molti mesi mi sono acquietato.
Finchè è giunto il giorno del  dolore per il distacco ma anche della pace  e della giusta ricompensa per chi come me ha pagato con il martirio la scelleratezza di questo tempo impazzito.

 

ãCopyright 2001/2012 tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus)


Data di creazione : 29/09/2012 * 19:27
Categoria : -
Pagina letta 5632 volte