Senza amore non c'è vita né giustizia senza memoria.  A.I.F.V.S. onlus
         
Cerca nel sito
Ricerca personalizzata
Chi siamo
Menù principale
+ Iniziative nazionali
+ Attualità
+ Iniziative Sedi
+ Opuscoli Memorie
+  Giustizia
+  Prevenzione
+ Assistenza Psicologica
+ Filmati Media & TV
+ In caso di incidente
+ Le vergogne
+ Convegni nazionali
+ Libri & Poesie
+ Archivio
+ Appelli e ricerca testimoni
+ Calendario AIFVS
+ Comunicati stampa
+ Contatti & mail
+ Giornata mond. del ricordo
+ L'AIFVS in televisione
+ Punto d'ascolto
+ Sensibilizzazione
+ Servizi giornalistici
+ Sondaggi AIFVS
+ Spot con patrocinio AIFVS
+ Testimonianze
+ Testimonianze TV
+ Video Commissione trasporti
+ Video shock
VIDEO AIFVS 2014
Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 1606

Username:

Password:

[ Password persa ? ]


[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 27
Chat Vedi tutto
Gallerie foto

Chiudi  Giornata mond. del Ricordo

Chiudi  Iniziative Nazionali AIFVS

Chiudi  Manifestazioni delle croci

Agenda
Collaborazioni

deleofund.jpg

twitter AIFVS onlus
Blog - Giustizia negata

Giustizia negata

UCCISA DUE VOLTE  -  da MICHELA

A quasi otto anni da quel maledetto 07.07.2004 nel quale mi madre veniva travolta da un tir ad un incrocio è arrivata la tremenda sentenza. Il giudice, senza neanche tenere conto di un testimone che affermava che mia mamma era ferma al semaforo rosso insieme al tir ed avvalorando solo la testimonianza di un altro camionista (!) che in prima sede dichiarava che mia mamma era arrivata a tir già in fase di curva cambiandola poi in "non mi ricordo, forse era già lì" in altre udienze, ha sentenziato:

LA DOMANDA E' INFONDATA E NON MERITA ACCOGLIMENTO. DAGLI ATTI E' PACIFICAMENTE EMERSA LA COLPA SPECIFICA DELLA CONDUCENTE DEL VELOCIPEDE.

Siamo sconcertati.

Pubblicato il 23/02/2012 * 09:04  
Tutti i Post  Anteprima di stampa  Stampa pagina 


Commenti


Commento n. 1  -   da  Patrizia_Q il 23/02/2012 * 14:28

Purtroppo so di cosa parli Michela, la delusione e l'amarezza dopo queste sentenze lascia senza parole. Purtroppo per incompetenza di chi ci segue legalmente o per poca attenzione da parte dei giudici, non otteniamo alcuna giustizia per chi ci è caro e questo non ci aiuta a proseguire il cammino.

Commento n. 2  -   da  ARIANNA il 24/02/2012 * 13:20

Michy cucciola... mi dispiace un casino... è uno schifo ... "a volte" vorrei che questi giudici vivessero le nostre tragedie  ... solo così potranno capire e comprendere il dolore ...  queste sentenze  inaccettabili  !

Fatti forza la tua mamma è sempre vicino a te e ti aiuterà a superare questo "nuovo"dolore.

Michy, ti voglio bene... tanto tanto !

Ari

Rubriche

ChiudiAlcol e guida

ChiudiBambini vittime della strada

ChiudiGiornata del ricordo

ChiudiGiustizia negata

ChiudiPubblicità pericolose

ChiudiRiforma codice della strada

ChiudiSicurezza stradale

ChiudiStrage Motociclisti


Ultimi post sul Blog
Ultimi commenti

Archivi
09-2014 Ottobre 2014 11-2014
L M M G V S D
    01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
Social
Dati per effettuare donazioni o pagamenti quota all’associazione
Conto corrente postale 13211438 intestato Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus. Via A. Tedeschi 82 – 00157 Roma

Sul c/c bancario n ° 000010437812 intestato Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus presso Unicredit Banca – Roma Montagne Rocciose.IBAN:
IT 07 D 02008 05198 000010437812

site.gif 

Associati all'AIFVS

 

^ Torna in alto ^