Un buon inizio a tutti gli amici del forum
Autore Messaggio Discussione postata il 01/01/2012 @ 18:51
Titolo : Un buon inizio a tutti gli amici del forum
DottoressaTucci
Membro
Visite: 476
Discussioni: 10
Messaggi: 70

Offline
Inizia un nuovo mese nel quale insieme comporremo questo forum, ma inizia anche un nuovo anno, e non volevo che questa giornata trascorresse senza che vi giungessero i miei più affettuosi augurii per un sereno 2012. Nella speranza che ognuno di noi, come una Fenice, possa risorgere dalle proprie ceneri, trasformando il dolore in un nuovo progetto di vita.
Oggi, dopo pranzo, passeggiavo sotto le querce del viale di casa. Ad un tratto, mi sono trovata circondata da ogni lato dalla mia "corte dei miracoli": così chiamo i miei innumerevoli gatti. C'era chi mi seguiva, chi correva e mi anticipava, per poi aspettarmi e riprendere la corsa, chi si rotolava, chi giocava a nascondino e chi camminava al mio fianco. Ognuno di loro era pieno di gioia, ed era come se la volesse condividere con me. Eppure, la maggior parte di loro, prima di vivere con me, ha vissuto vite dolorose, perché abbandonata, maltrattata, randagia, malata o affamata. Perché tanta felicità, saremmo pronti a chiederci noi? In realtà, ogni gatto, da tempo immemore, ha scoperto il segreto della vita e ha imparato anche a trasmetterlo a noi, che non impariamo mai molto dall'esperienza, come insegna la storia dell'umanità. Mentre passeggiavo con loro, mi sono sentita anch'io pervasa da quella gioia e felicità che loro volevano condividere con me che li ho accolti e amati come tanti bambini indifesi. Il segreto della vita, ce lo insegnano i gatti, è quello di vivere ogni istante della nostra vita come se fosse l'ultimo e l'unico, godendo di quello che abbiamo intorno a noi e di ciò che serbiamo dentro di noi, fosse anche solo il ricordo di un abbraccio o di un sorriso.
Per me questa passeggiata è stata un buon inizio, e ho voluto condividerla con voi.
Come è stato il vostro inizio? Chi lo vuole condividere con noi?

Un caro saluto a tutti



Stefania Tucci, psicologa-psicoterapeuta

maya60
Membro
Visite: 159
Discussioni: 0
Messaggi: 3

Offline
Postato il: 01/01/2012 @ 19:47
Avevo una gatta molto amata da tutta la mia famiglia. Mia sorella scomparsa molti anni fa sempre a causa di un dannato incidente, amava questa creatura,la coccolava,la curava,   ma la gatta era infastidita da tanto amore e affetto. Quando mia sorella non è più tornata la gatta vagava per casa in cerca di chi l'amava senza più trovarla. Quello che è rimasto della mia famiglia, ha circondato d'amore questa creatura poi anche lei ci ha lasciato
e siamo rimasti ancora più soli.
   
 
Nunzia
Membro
Visite: 37
Discussioni: 0
Messaggi: 5

Offline
Postato il: 01/01/2012 @ 23:22
Buonasera, ho letto con molto interesse le tue parole.. Ho perso mio fratello il 21 aprile..e il nostro dolore è devastante..non posso dire che non riusciamo più a sorridere, la nostra famiglia, nonostante tutto ha sempre sorriso alla vita ma ora è tutto diverso e dietro ad ogni piccola gioia c' è un grandissimo dolore..che si spinge fino al senso di colpa..che ho soprannominato sindrome del sopravvissuto...io mi sento in colpa del fatto che io sono ancora qui e posso fare tante cose mentre a mio fratello gli è stata negata questa possibilità...
 
DottoressaTucci
Membro
Visite: 476
Discussioni: 10
Messaggi: 70

Offline
Postato il: 02/01/2012 @ 19:55
Salve Maya e Nunzia. Sono lieta di fare la vostra conoscenza e di accogliervi nel nostro forum.   Nei giorni di festa, il ricordo di coloro che abbiamo amato si fa più doloroso e ci fa sentire più soli. Ecco perché, dedicare un po' del nostro tempo a chi può avere bisogno di noi può aiutarci a superare questi momenti più difficili. Molto spesso, far entrare un piccolo animaletto dentro casa o uscire per accudirne qualcuno randagio o inserito in quei lager che chiamiamo canili o gattili può risultare molto fruttuoso per il nostro benessere. Come dimostra quello che ci racconta Maya, anche tra gli animali ci può essere qualcuno che all'apparenza non dimostra l'affetto che nutre per noi. Ma quando noi spariamo per qualche periodo o per sempre, allora anche un gatto altezzoso non può più nascondere i propri sentimenti. E' per questo che se noi dedichiamo un po' del nostro tempo ad accudirne qualcuno, riavremo in cambio molto di più di quello che avremo dato. Le consiglio, perciò, Maya di adottarne uno. Farà la gioia sua e di tutta la sua famiglia. Quest'estate, una mia paziente che era rimasta sola, dopo la morte del compagno per una grave malattia, ha deciso di dedicare un po' del suo tempo a portare a passeggio alcuni cani del canile della località dove si trovava in vacanza. Si sentiva disperata e le sue giornate ormai da mesi erano completamente vuote. Poi è arrivata Stella che, abbandonata appena nata, era ormai da tre anni rinchiusa nel canile. E Stella le sorrideva, come aveva imparato, imitando gli esseri umani, alzando il labbro superiore e mostrando i denti, ed è stato amore a prima vista. Adesso Stella vive con lei. E le giornate di questa giovane donna non sono più vuote come prima, le organizza in funzione di questa piccola cometa che ricomparsa nella sua vita e che non può più vivere senza di lei. Certo, un animale non può sostituire una persona che abbiamo amato, ma può aiutarci, e ricambiare con tanto amore quelle piccole attenzioni che saremo disposti a dargli.
E veniamo al problema che pone Nunzia, ma che ha riguardato senz'altro anche Maya: quello dei fratelli che sopravvivono. Intanto Nunzia ti sono molto vicina e credo anche tutti i lettori del forum. Sappiamo, per averlo vissuto, come può risultare doloroso soprattutto il primo anno. Perciò ti ringrazio anche a nome di loro per averci aperto il tuo cuore, in questo momento così difficile, e non esserti chiusa nel tuo dolore. Aprirsi agli altri, soprattutto se questi altri hanno vissuto la nostra stessa esperienza, aiuta moltissimo e ci fa sentire meno strani.
I fratelli sopravvissuti, dicevo, e ho affrontato il tema in più occasioni, ma non mi stanco mai di ripeterlo, oltre a perdere un fratello o una sorella nell'incidente, perdono anche i genitori, perché questi, per periodi molti lunghi, anche se non ne sono a volte consapevoli, non sono in grado di svolgere il loro ruolo come prima, a causa del profondo dolore che li coglie. I fratelli sopravvissuti, perciò, vivono contemporaneamente più lutti: il lutto per il fratello perduto e quello per i genitori. Quindi, almeno tre lutti. E' vero che i genitori sono vivi, ma è come se fossero morti anche loro, e a volte risorgono dopo anni, a volte mai. Perciò, ancora giovani, i fratelli si ritrovano a perdere quel senso di onnipotenza che accompagna sempre l'età giovanile, e a perdere d'un tratto anche tutti i sogni e tutti i progetti. Tutto diventa diverso e precario. Tutti vivono un senso di colpa per essere sopravvissuti. E il senso di colpa è tanto più grave, a volte, quanto più l'atteggiamento inconsapevole dei genitori mortifica le premure che i figli hanno verso di loro, nella speranza di attutire il loro dolore. Quando il dolore dei genitori diventa inconsolabile, il figlio sopravvissuto si sente rifiutato, percependo come inutili i propri sforzi, e non riesce a separarsi dalla famiglia per riprendere il proprio cammino. Alcuni strutturano una vita votata al fallimento nel lavoro e nella vita sentimentale. Tutti cercano di ritrovare quella famiglia che non c'è più. Alcuni, ne costruiscono una propria che avrà come esito lo stesso destino di quella di origini. E lutto seguirà a lutto.
Ecco perché sia le mie colleghe che io non ci stancheremo mai di ripetere in questo forum che, se vogliamo rompere la catena delle morti precoci per incidente o per altro destino violento, dobbiamo prima di tutto farci carico del nostro dolore, imparando ad elaborarlo. Ogni dolore rimasto incistato procura inevitabilmente altro dolore, anche a distanza di anni e di generazioni.
Perciò Nunzia, non so dove vivi, ti consiglio di continuare a scrivere sul forum per condividere il tuo dolore con tutti noi, ma ancor più di rivolgerti ad uno psicologo che possa aiutarti a superare quello che non riesci a superare del tuo lutto che, nel tuo caso, è un profondo senso di colpa per essere sopravvissuta a tuo fratello. Uno psicologo psicoterapeuta ti aiuterà a capire le origini del tuo senso di colpa e ti consentirà di superarlo. Hai tutto il diritto di vivere pienamente la tua vita e puoi farlo solo se riuscirai a comprendere che ogni vita ha un senso speciale sia quando dura cent'anni che quando dura pochi anni. A tuo fratello saranno senz'altro state negate alcune possibilità, ma ne avrà avute senz'altro delle altre. Non negare a te stessa tutte le possibilità, tuo fratello non ne sarebbe sicuramente felice.

Un caro saluto a tutti



Stefania Tucci, psicologa-psicoterapeuta

ChiaraMartina
Membro
Visite: 432
Discussioni: 0
Messaggi: 23

Offline
Postato il: 03/01/2012 @ 16:38
Buongiorno a tutti.
Il 25 dicembre dell'anno scorso ho perso mia sorella.
E come giustamente segnalato, in quel preciso momento ho perso anche mio padre e mia madre. Il dolore e la rabbia si miscelano nel mio stomaco più spesso di quanto io faccia vedere all'esterno.
Se sono troppo vicina ai miei genitori, mi sento frustrata e "immobile".
Se ne sono troppo distante, mi sento in colpa.
E in tutto ciò, arduo compito, sono e sarò da sola, perchè la vita ha voluto così.
Interessante valutazione del concetto di "Natale"...io non lo considero più un giorno di gaudio, ma IL giorno del coraggio.
Coraggio nell'andare avanti, nonostante tutto, anche senza gli auguri di mia sorella.
Scusate per lo sfogo
Buona giornata
 
maya60
Membro
Visite: 159
Discussioni: 0
Messaggi: 3

Offline
Postato il: 03/01/2012 @ 19:39
Dottoressa, ho pensato più volte ad accogliere una creatura che sa solo dare affetto e amore, ma la paura di soffrire è più forte della mia volontà. Il   dolore, per la scomparsa di mia sorella ha distrutto la salute di mia madre e di mio padre. Questo dolore lo hanno vissuto e lo stanno vivendo separatamente. Quando si avvicina il periodo natalizio, le parole di mia madre sono sempre le stesse "non vedo l'ora che tutto finisca" e oggi mi ha detto " finalmente, manca solo un giorno poi tutto è finito anche per quest'anno, poi tutto può accadere per il prossimo natale".Immagino cosa possa desiderare per il prossimo.
Un saluto.
 
Nunzia
Membro
Visite: 37
Discussioni: 0
Messaggi: 5

Offline
Postato il: 03/01/2012 @ 22:37
Hai, mi permetto di darti del tu, perfettamente ragione quando parli del triplice lutto che io e l'altro mio fratello stiamo vivendo.. Io sento la necessita e penso fortunatamente di parlare di quello che ci è successo e di quello che sta provando ogni giorno..anche mia madre ha manifestato piú volte questa esigenza..vorrebbe trovare persone che stanno vivendo lo stesso lutto..spero voi possiate aiutarci in tal senso...mentre purtroppo mio padre e mio fratello hanno difficoltà solo nel sentir parlare nel nostro Giuseppe, mio padre non vuole vedere per casa le sue foto e entrambi quasi si rifiutano di andare in cimitero mentre mia madre dal giorno del funerale si reca tutti i giorni costringendomi a portarla anche se a volte anche per me è difficile andarci..vorrei che mi aiutasse ad affrontare un altro grosso problema..io al momento dell'incidente convivevo con quello che oggi è mio marito in un paese vicino a quello della mia famiglia..ma da quando mio fratello con c'è piú noi viviamo praticamente tutto il giorno a casa della mia famiglia e torniamo a casa nostra solo per dormire..dopo qualche tempo ho cercato come pensavo fosse giusto di staccarmi ma la reazione dei miei genitori è stata talmente dura che mi sono sentita in dovere di fare un passo indietro..intendiamoci, anche x me è veramente difficile stare lontano da loro in primis perchè scatta quel meccanismo di protezione del nucleo   familiare e si che solo restando insieme non ci succederà mai più niente, so se mi sono spiegata, in secondo luogo il pensiero che loro stanno da soli magari a piangere e disperarsi mi tormenta e dunque voglio essere là x cercare di distrarli..nonostante tutto ciò mi tengo conto che bisogna cercare di tornare alla normalità, anche se non sarà la stessa..spero di essere stata abbastanza chiara..grazie
 
InizioPrecedente [ 1 2 3 ] SuccessivoFine

Skin by GosubJ